15:53 07 Marzo 2021
Italia
URL abbreviato
102
Seguici su

Abuso di professione medica e abuso sessuale su minori, forse seriale, per un tecnico radiologo dell'Asl di Latina che esercitava tra Sabaudia e Latina. Fermato dalla Polizia di Stato.

Un tecnico radiologo dell’Asl di Latina si spacciava per medico e usava la sua posizione per palpeggiare ragazzine minorenni che faceva spogliare.

La Polizia di Stato lo ha arrestato con l’accusa di esercizio abusivo della professione medica e violenza sessuale aggravata su minore.

Secondo una denuncia presentata dalla famiglia di una minorenne “visitata” nel mese di dicembre scorso, l’uomo si era presentato durante la visita all’Asl come un medico e aveva chiesto alla ragazzina di spogliarsi indossando solo le mutandine.

Il radiologo del Distretto 2 dell’Asl di Latina, ha riferito la minore denunciante, l’ha palpeggiata nelle parti intime e il seno. E lei ha avuto la sensazione di essere stata anche ripresa da uno smartphone posizionato nella stanza con la webcam rivolta verso di lei.

La perquisizione in casa dell’uomo e il sequestro dei suoi tre cellulari e del laptop, hanno portato alla scoperta che il video esisteva veramente.

Ma l’aspetto ancor più inquietante è che la Polizia specializzata nei reati contro la persona ai danni di minori, hanno trovato altri video che si riferivano ad un’altra donna all’epoca dei fatti minorenne.

Questa ragazza, contattata dalla Polizia, ha testimoniato di aver incontrato due volte il radiologo che si è sempre qualificato come medico e che a febbraio del 2018 a Sabaudia e a Latina nel mese di marzo dello stesso anno, è stata visitata dall’uomo che l’ha toccata anche nelle parti intime.

La polizia ha posto al setaccio i dispositivi dell’uomo e sta estendendo le indagini a questo punto, perché si potrebbe essere in presenza di un caso seriale.

L’Asl di Latina è stata informata dalla magistratura per l’adozione dei provvedimenti di competenza, riporta l’Adnkronos.

Tags:
abusi sessuali
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook