03:08 28 Febbraio 2021
Italia
URL abbreviato
100
Seguici su

Un lockdown per 2 o 3 mesi con il blocco totale degli spostamenti internazionali riporterebbe la situazione epidemiologica in controllo afferma Miozzo responsabile de lcts, ma è chiaro che non si può fare: troppo interconnessi.

Il problema non sono le varianti che pure ci sono e che “saranno studiate e valutate” dalla comunità scientifica, ciò che è davvero importante è “abbattere la nostra curva, l’incidenza sul territorio e arrivare a una condizione di controllo dei casi per cui saremmo anche in grado di affrontare le mutazioni”.

A dirlo è Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato tecnico scientifico, che aggiunge anche la sua opinione su come l’Italia potrebbe sconfiggere la pandemia.

“Lockdown e chiusura delle frontiere sarebbero risolutivi ma irrealizzabili”, ha affermato Miozzo a Timeline su Skytg24 ed è per questo quindi che si affida alla campagna vaccinale che ritiene essere “fondamentale”. Ed altra cosa importante è il tampone alla frontiera.

Naturalmente non nasconde la preoccupazione delle varianti e guarda in particolare all’Inghilterra dove ieri in sole 24 ore sono decedute 1800 persone, ma è importante mantenere il controllo della situazione riuscire a ripristinare il tracciamento dei casi di persone contagiate e riportare la situazione a condizioni più gestibili.

Sulla campagna vaccinale Miozzo afferma che con l’arrivo di altri medicinali come il vaccino di AstraZeneca e il vaccino di Johnson&Johnson, il problema di questi giorni con una carenza di fiale si risolverà.

Miozzo si dice anche fiducioso sul fatto che chi deve ricevere la seconda dose del vaccino Pfizer la riceverà in tempo perché il taglio delle scorte che ha coinvolto tutta Europa e non solo l’Italia, è stato risolto.

“Pfizer ci ha detto che è pronta a recuperare nelle prossime settimane il ritardo accumulato che è stato di carattere tecnico-logistico”, ha riferito Miozzo.
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook