02:37 28 Febbraio 2021
Italia
URL abbreviato
0 70
Seguici su

Uno studio congiunto (l’Università di Utrecht, il Global Health Institute di Barcellona e lo Swiss Tropical and Public Health Institute, o Swiss TPH) pubblicato il 19 Gennaio 2021 su The Lancet Planetary Health ha analizzato le morti causate da inquinamento da particolato fine (PM 2.5) e biossido di azoto (NO2) in Europa.

Il particolato fine è stato in precedenza classificato come il quinto fattore di rischio maggiore della mortalità globale in uno studio del 2015.

Un’analisi di oltre 1000 città europee vede ai primi posti per decessi da smog l’Italia, con Brescia e Bergamo, seguite subito nella TOP 10 da Vicenza (4o posto) e Saronno (8o posto). Anche la mortalità da biossido di azoto (NO2) mostra Torino e Milano al terzo e quinto posto rispettivamente, collocando l’Italia tra i paesi piu inquinati d’Europa. Tra i paesi meno inquinati spiccano quelli del Nord Europa, con livelli di inquinamento ¼ rispetto a quelli italiani.

Il particolato fine e il biossido di azoto sono prodotti principalmente da gas di scarico di automobili e esalazioni industriali, motivo per il quale grandi agglomerati di città e aree soggette a congestioni e alti livelli di traffico sono tra i più esposti a questo tipo di inquinamento.

Lo studio ha evidenziato come un più rigido controllo e rispetto delle normative raccomandate dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) sull’emmisione dei due gas possa portare a una riduzione sensibile delle morti annue. Le normative attuali europee prevedono un limite di 25 μg/m3 per il PM2.5 e di 40 μg/m3 per il NO2.

Tuttavia, L’OMS raccomanda una riduzione dei livelli annui a 10 μg/m3 per il PM2.5 e di 40 μg/m3 per il NO2. Sulla base di questi dati, le previsioni dello studio mostrano che ben 51mila morti premature da PM 2.5 e 900 da NO2 possano essere evitate rispettando le linee guida proposte. A Brescia, i decessi da PM 2.5 potrebbero diminuire di 232 persone, a Bergamo di 137. La stessa analisi mostra come a Torino potrebbero essere evitati 34 decessi da NO2, e a Milano ben 103.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook