21:48 15 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
204
Seguici su

L'agenzia italiana del farmaco ha ritirato a scopo cautelativo e con effetto immediato alcuni lotti di un noto antibiotico usato nel trattamento di infezioni, prodotto dall'azienda farmaceutica Merck Sharp & Dohme (MSD)

Alcuni lotti di antibiotico Zerbaxa sono stati ritirati dal mercato ad uso cautelativo. A disporre il provvedimento è stata Aifa in seguito ad una segnalazione della ditta produttrice. Il ritiro cautelativo ha effetto immediato. 

Le ragioni del ritiro

Il presidente dello Sportello dei Diritti, Giovanni D’Agata, ha riferito che il provvedimento si è reso necessario dopo la comunicazione dell'azienda dei risultati fuori specifica per il test di sterilità durante controlli di routine. Oltre a questa segnalazione è arrivata anche la notificazione dell'Agenzia Europea per il Farmaco (EMA).

Il problema è emerso nel corso di controlli si routine su lotti non ancora rilasciati. 

I lotti 

A seguito la lista con i codici dei lotti ritirati a scopo cautelativo dal mercato: 

  • S034819 con scadenza 31/12/2021, S036248 con scadenza 31/12/2021,
  • S040090 con scadenza 31/12/2021, S040226 con scadenza 31/12/2021,
  • T000869 con scadenza 31/12/2021, T003102 con scadenza 31/12/2021,
  • T003353 con scadenza 28/02/2022, T005037 con scadenza 28/02/2022,
  • T008958 con scadenza 31/12/2021, T010507 con scadenza 28/02/2022,
  • T010900 con scadenza 28/02/2022, T014292 con scadenza 28/02/2022,
  • T014669 con scadenza 28/02/2022, T014673 con scadenza 28/02/2022,
  • T014675 con scadenza 28/02/2022, T017168 con scadenza 30/04/2022,
  • T018166 con scadenza 30/04/2022, T018856 con scadenza 30/04/2022,
  • T020644 con scadenza 30/04/2022, T021582 con scadenza 30/04/2022,
  • T022497 con scadenza 30/04/2022.

Il farmaco

L'antibiotico Zerbaxa 1 g/0,5 g è prodotto dalla casa farmaceutica Merck Sharp & Dohme ed è venduto sul mercato in confezioni da 10 flaconcini da 20 ml di polvere per infusione. E' indicato per il trattamento di adulti con infezioni batteriche complicate, tra cui polmoniti, infezioni all'apparato urinario, intra-addominali e pielonefrite. 

Il farmaco è somministrato per via endovenosa.

Tags:
Agenzia Italiana del Farmaco, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook