06:55 23 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
Di
1410
Seguici su

Pastorelli pubblica la storia e poi la cancella, ma la capogruppo Pd Bistocchi la condivide attaccando la componente della giunta comunale.

Un meme, uno scherzo di cattivo gusto, una convinta emulazione o soltanto una provocazione. Quale fosse l'obiettivo non è chiaro, ma quello che è certo è che l’assessora allo Sport e al Commercio del comune di Perugia, Clara Pastorelli, ha fatto parlare di sé.

La polemica è nata da una foto pubblicata e poi rimossa dalle storie di Facebook in cui la politica si mostra con colbacco, maglione a stelle e strisce, in una tenuta che ricorda in tutto e per tutto l’ormai famoso Jack Angeli, detto lo Sciamano.

L’assessora in quota Fratelli d’Italia ha pubblicato sulle storie il suo selfie imitando uno degli uomini che ha guidato l’assalto al Campidoglio di Washington, con tanto di corna e viso coperto dai colori della bandiera americana.

Pastorelli ha scritto sulla foto: "Forza sempre e comunque Stati Uniti d’America. Spesso ciò che sembra reale non lo è. Fb bannerà pure me?”.

Un evidente riferimento alla decisione di Facebook di sospendere a tempo indeterminato l’account di Donald Trump dopo gli eventi del 6 gennaio.

L'immagine è stata cancellata, ma ha continuato a circolare sui social ed è stata riproposta dalla capogruppo del Pd comunale, Sarah Bistocchi. La Dem ha attaccato l’assessora e ha pubblicato il selfie aggiungendo la frase: “Spesso ciò che sembra reale non lo è. Anche io vorrei che non lo fosse".

Twitter blocca Donald Trump

Il noto social network ha deciso di bloccare "in modo permanente" l'account del presidente degli Stati Uniti. 

La decisione è stata presa "dopo una attenta revisione dei tweet recenti e il contesto intorno a essi", ha spiegato lo staff di Twitter, aggiungendo che la decisione è legata al "rischio di ulteriori incitamenti alla violenza".

Twitter aveva sospeso l'account di Trump già il 6 gennaio, dopo i tre tweet legati all'assalto al Congresso e considerati dal social network in contrasto con la sua policy. Stessa sorte era toccata alla pagina Facebook del presidente Usa.

Tags:
Facebook, USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook