06:01 08 Marzo 2021
Italia
URL abbreviato
6711
Seguici su

Deposito di scorie radioattivo in Italia, pubblicata la mappa segretissima dei 67 siti prescelti dalla relazione tecnica della Sogin. Ora la palla passa alla politica.

Svelata la mappa rimasta vincolata sotto il segreto di Stato dal 2015 e che svela oggi i siti individuati per lo stoccaggio di scorie nucleari.

Sono 67 le aree più idonee individuate e che la Sogin ha pubblicato sul sito web www.depositonazionale.it.

A guardare la mappa potremmo dividere i 67 siti potenziali di stoccaggio in quattro macro aree del paese individuate a nord-ovest, al centro, al sud e in Sardegna.

I siti sono quelli individuati tra i potenziali, ma la scelta del sito unico nazionale dove stoccare tutte le scorie nucleari e radioattive, oggi sparpagliate sul territorio nazionale, ad oggi non è ancora stata effettuata.

Al sito sono stati assegnati 1,5 miliardi di lavori per la realizzazione del deposito dei rifiuti radioattivi, i quali sono oggi ospitati in Piemonte, Sicilia e Basilicata.

Comitati Nimby al lavoro

I comitati Nimby (Not in my Backyard: non nel mio giardino di casa) sono già al lavoro per contrapporsi a qualsiasi ipotesi di realizzazione nel proprio territorio.

Si faccia ovunque ma non sotto casa mia, questo è il motto.

Il punto esatto resta segreto

La mappa, tuttavia, non svela proprio tutto del sito ma solo la provincia in cui potrebbe essere costruito il deposito nazionale delle scorie radioattive.

Ad esempio tra le candidate ci sono Alessandria e Viterbo, e poi Torino, Siena e Grosseto. Ma c’è anche la provincia di Bari con le Murge e Matera. E poi, sì, c’è anche Taranto nella lista dei siti dove stoccare anche le scorie radioattive.

Le aree che hanno ottenuto il parere migliore da parte dei tecnici sono Alessandria e Viterbo.

Ora spetta alla politica

Ma ora che la relazione tecnica è stata pubblicata, toccherà alla politica occuparsi della questione e confrontarsi con la società civile.

Si troverà un territorio pimby disposto a prendersi gli 1,5 miliardi di euro di investimenti e anche il sito per la raccolta delle scorie radioattive a basso impatto?

Tags:
Materiale radioattivo
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook