10:17 23 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
0 41
Seguici su

La campagna di vaccinazione in Lombardia è partita a rilento con la somministrazione di 3.126 dosi in 8 giorni su un totale di 80.595, tra le ultime per il rapporto vaccini ricevuti e somministrati. Bufera sull'assessore Gallera, che ha promesso di entrare a pieno regime a partire dal 4 gennaio. 

Il responsabile lombardo della campagna di vaccinazione anticovid, Giacomo Luchini, ha assicurato che non appena la macchina regionale di vaccinazione sarà entrata a pieno regime, potranno essere effettuate 10 mila vaccinazioni al giorno, con picchi di 20 mila se si tiene conto delle RSA e altri centri.

"La Lombardia ha certamente una macchina complessa, che per le 65 strutture significa poter somministrare 10mila dosi di vaccino al giorno e, in prospettiva, con anche le Rsa e gli altri punti, arrivare a picchi di 20mila somministrazioni al giorno", ha detto l’esperto a Sky TG24 nella mattinata di lunedì 4 gennaio.

L'assessore Gallera aveva assicurato che proprio a partire dal 4 gennaio sarebbe stata la partenza definitiva del calendario di vaccinazioni, con l'attivazione dei 65 hub predisposti per la campagna. 

"Quando abbiamo chiesto alle strutture di preparare questi piani – ha aggiunto Lucchini -, loro hanno considerato tutte le variabili, dalle consegne, ai turni del personale, all’arrivo di materiali di consumo come siringhe e aghi. Sulla base di quello noi sappiamo che da oggi tutti e 65 gli hub partono, per raggiungere tutti gli obiettivi che ci sono stati prefissati come piano vaccinale", ha specificato. 

La campagna di vaccinazione in Italia è partita il 27 dicembre in contemporanea con il resto d'Europa. Dopo le prime 9.750 dosi per dare il via con il Vax Day, a cavallo tra il 30 dicembre e il primo gennaio sono state consegnate e distribuite alle regioni quasi 470 mila dosi di vaccino anti-Covid Pfizer-Biontech.

Tags:
vaccino, Lombardia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook