11:41 24 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
5 0 0
Seguici su

Le restrizioni e il divieto di feste hanno sensibilmente ridotto il numero di incidenti causati da petardi e fuochi d'artificio durante la notte di capodanno. Il bilancio è di un morto e 79 feriti.

Un bambino di dieci anni è rimasto gravemente ferito a Taranto dopo aver raccolto da terra un petardo inesploso lanciato la notte di San Silvestro. L'incidente è avvenuto nel tardo pomeriggio del primo gennaio, nel quartiere Paolo VI.

Il petardo è esploso nelle mani del ragazzino, che ha riportato gravi ustioni al volto, agli occhi e alla mano sinistra. Il piccolo è stato dapprima soccorso in codice rosso per ustioni di secondo grado all'ospedale di Taranto e da lì ricoverato a Brindisi, nel centro grandi ustioni. 

Notte di follia 

Sempre a Taranto si sono verificati episodi di violenza durante la notte di capodanno. Un video diffuso sui social mostra tre persone, tra cui un bambino, mentre lanciano un frigorifero giù dal balcone di casa. I tre spingono il grosso elettrodomestico per la ringhiera del terrazzo, per poi scaraventarlo in strada tra risate ed incitamenti alla violenza. 

A denunciare l'episodio sul proprio profilo Facebook è l'esponente dei Verdi Angelo Bonelli, che chiede l'intervento delle forze dell'ordine per individuare i responsabili del gesto. 

Incidenti notte di capodanno 

Il bilancio degli incidenti di capodanno è di 79 feriti e un ragazzino di 13 anni morto in un campo nomadi di Asti, colpito da un petardo nello stomaco. A Caserta tre fratelli hanno riportato ustioni e lesioni interne dopo essere stati travolti dall'esplosione di un mega-ordigno artigianale da loro realizzato assemblando bombe carta. 

Tags:
Puglia, Capodanno, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook