02:20 17 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
219
Seguici su

Secondo un'indagine di Coldiretti solo il 18% è rimasto in piedi sino a tarda notte per festeggiare l'arrivo dell'anno nuovo.

Verrà ricordato come l'anno della pandemia e probabilmente è proprio per questo che molti italiani, la sera di Capodanno, non hanno voluto attendere neanche la mezzanotte per dire addio al 2020.

Secondo un'indagine di Coldiretti/Ixè, infatti, la sera del 31 dicembre 1 italiano su 5 non ha atteso lo scoccare della mezzanotte ed è andato a letto senza stappare lo spumante. 

Dallo studio sul primo Capodanno in zona rossa emergono queste cifre:

  • il 22% degli italiani è andato a dormire presto
  • il 60% ha almeno atteso le 24 per ammirare i fuochi d'artificio per il 2021
  • solo il 18% ha festeggiato sino a tarda notte

Forse le limitazioni "hanno spinto molti Italiani ad andare prima a letto forse anche per la voglia di lasciarsi alle spalle al più presto un 2020 ricco soprattutto di rinunce, preoccupazioni e fatti dolorosi. Con il riposo anticipato in molti – continua la Coldiretti – hanno rinunciato anche al tradizionale brindisi di mezzanotte con il risultato che quest’anno gli italiani hanno fatto saltare appena 63 milioni di tappi di spumante nelle feste di fine anno, il minimo del decennio per effetto di un taglio del 15% rispetto allo scorso anno".

Il bilancio della notte di San Silvestro con bar, ristoranti e discoteche chiuse, secondo una precedente nota di Coldiretti, ha provocato un crollo del fatturato di circa mezzo miliardo nel settore della ristorazione, con importanti ripercussioni sull'agroalimentare. Il consumo domestico, l'asporto e il delivery non sono riusciti a compensare il tonfo della ristorazione, dovuto alle limitazioni e chiusure imposte dalle norme anti-covid. 

Gli italiani hanno trascorso il cenone in intimità, con una media di 4 persone (3,7) sedute al tavolo, fa sapere Coldiretti, attenendosi scrupolosamente alle regole, rinunciando a incontrare parenti e amici. 

Ma nonostante le restrizioni, non rinunciano alle tradizioni scaramantiche del cenone di Capodanno, come le lenticchie presenti sul 78% delle tavole di fine anno,  accompagnate dal cotechino o zampone presenti sul 66% delle tavole. Protagonista anche la frutta "portafortuna", come l'uva presente in sei tavole su 10.

Tags:
Capodanno, Coldiretti, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook