21:51 15 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
201
Seguici su

Polemiche sul presunto accordo bilaterale tra Germania e BioNTech per una fornitura di 30 milioni di dosi del vaccino extra accordo Commissione europea. Interviene il virologo Galli.

Si è diffusa nelle ultime ore una notizia non confermata secondo cui la società BioNTech, che con Pfizer ha prodotto il primo vaccino autorizzato dall’EMA, avrebbe sottoscritto un accordo riservato per una fornitura di 30 milioni di dosi del vaccino.

Si tratterebbe di un accordo bilaterale extra rispetto alla decisione dei 27 Stati UE di demandare alla Commissione europea l’acquisto delle dosi di vaccino e di distribuirle in base alla popolazione ai paesi membri.

Il professore Massimo Galli, direttore del centro di malattie infettive del Sacco di Milano, intervenendo su Rete 4 a ‘Stasera Italia’, ha affermato che se la notizia fosse confermata la troverebbe “come minimo inelegante. Non eravamo noi i furbetti che facevamo delle cose pur di garantirci dei vantaggi? Non è una procedura né corretta né gradevole da sentire”.

In precedenza il ministro della Salute tedesco Jens Spahn aveva affermato che non ci sarebbe stata nessuna politica nazionalista e che la Germania non si sarebbe avvantaggiata del fatto di avere sul suo territorio una società che ha prodotto un vaccino contro la Covid-19.

Il ministro aveva anche affermato che si sta cercando di aumentare la produzione del vaccino in Germania per aumentare notevolmente la capacità.

Intanto in Germania alcune città hanno fermato le vaccinazioni per problemi nella conservazione delle dosi.

Tags:
vaccino, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook