22:17 15 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
151232
Seguici su

Dura presa di posizione del viceministro della Salute Pierpaolo Sileri contro il personale medico e sanitario restio a farsi il vaccino.

Il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri non vede giustificazioni logiche per quei medici e operatori sanitari che manifestano dubbi e perplessità sul vaccino anti-Covid e sull'opportunità di vaccinarsi in prima persona, ritenendo che la formazione scientifica di questa categoria di persone dovrebbe scongiurare qualsiasi forma di scetticismo.

"Rimango perplesso quando sento di colleghi medici o infermieri restii a farsi il vaccino. Posso capire il cittadino che magari non ha delle basi scientifiche consolidate e non ha studiato medicina e può avere una certa riluttanza a farsi il vaccino, ma penso francamente che quei medici e quegli infermieri, se hanno ancora dei dubbi dopo aver visto ciò che è accaduto, probabilmente hanno sbagliato lavoro", ha affermato il viceministro. 

Inoltre Sileri è convinto che anche farmacisti ed odontoiatri dovrebbero rientrare tra le categorie prioritarie per la vaccinazione contro il coronavirus.

Ci vorrebbe "qualche modifica, come già anticipato autonomamente da qualche regione: io ad esempio inserirei i farmacisti, che hanno avuto dei morti durante la prima ondata, e gli odontoiatri, che operano a contatto diretto con tutti i loro pazienti". 

Ricordiamo che domenica 27 dicembre in Italia, così come nella maggioranza dei Paesi della Ue, è iniziata la campagna di vaccinazione contro il coronavirus. Le prime tre dosi di vaccino sono state somministrate su tre operatori sanitari all'Istituto Spallanzani di Roma.

Tags:
Medicina, Coronavirus, vaccino, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook