15:05 24 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
81715
Seguici su

L'agenzia italiana del farmaco continua a bocciare il farmaco antimalarico precedentemente utilizzato in via sperimentale nel trattamento di pazienti Covid: inefficace e aumenta il rischio di eventi avversi.

"Aifa non raccomanda l'utilizzo dell'idrossiclorochina (HCQ) nei pazienti con Covid-19 in ospedale" e tantomeno "ritiene utile e opportuno continuare nuovi studi clinici nei pazienti ricoverati". E' quanto si apprende in un documento ufficiale pubblicato con cui l'agenzia del farmaco conferma la bocciatura definitiva per il farmaco anti-malarico, nonostante l'ordinanza con cui il Consiglio di Stato ha aperto all'uso domiciliare previa prescrizione un medico, dopo il ricorso di un gruppo di medici di base. 

Proprio a riguardo del trattamento domiciliare dei pazienti Covid, Aifa ribadisce che un'eventuale prescrizione del medico di famiglia sarebbe off label , quindi non rimborsabile dal SSN e sottoposto a specifiche regole prescrittive, sotto la responsabilità del medico prescrittore e previo consenso informato del singolo paziente. 

"Nei pazienti con infezioni Covid a bassa gravità esistono evidenze più limitate che dimostrano la mancanza di efficacia a fronte di un aumento degli eventi avversi, seppur non gravi, pertanto Aifa non raccomanda l'utilizzo dell'idrossiclorochina", si legge nel documento. 

L'agenzia italiana del farmaco ha scritto nero su bianco che l'utilizzo di dosaggi elevati di HCQ aumenta il rischio di reazioni avverse. Pertanto raccomanda di utilizzare il dosaggio più basso e per il tempo massimo di 5-7 giorni.

Possibili effetti collaterali dell'idrossiclorochina

Alla fine del mese di novembre l'Agenzia europea del farmaco (EMA) aveva avvertito circa il fatto che un sovradosaggio del farmaco anti-malarico, in alcuni casi utilizzato nelle terapie sui pazienti Covid-19, può provocare disturbi psichiatrici e manie suicide.

L'Oms ha sospeso i test sull'idrossiclorochina nella terapia antocoronavirus a fine maggio, dopo che alcuni studi ne hanno messo in dubbio l'efficacia nel trattamento sui malati affetti da Covid-19. 

A metà dicembre il Consiglio di Stato ha approvato l'uso dell'idrossiclorochina come terapia per il trattamento del Covid-19, a patto che sia prescritta da un medico.

Tags:
Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook