20:04 10 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
6143
Seguici su

Un sondaggio Ipsos-Pagnoncelli rivela che la maggior parte degli italiani ne ha abbastanza dell'epidemia di nuovo coronavirus, mal tollera i divieti agli spostamenti e vorrebbe un ritorno alla normalità, senza mascherina e distanziamenti.

Sarà un Natale difficile quello 2020, senza i regali dell'ultimo momento, senza cenoni, giocate a tombola in famiglia e scambio di doni e brindisi. Un giorno segnato in rosso non solo nel calendario delle feste ma anche in quello delle restrizioni. Dal 24 dicembre per quattro giorni l'Italia sarà zona rossa e gli italiani dovranno rispettare severe regole antiassembramento che ostacoleranno le riunioni familiari. Da un sondaggio dell'istituto Ipsos di Nando Pagnoncelli per il Corriere, emerge la fatica degli italiani verso regole, limitazioni e divieti che caratterizzeranno le festività natalizie 2020. 

Nonostante il 72% degli intervistati considera il Covid-19 una minaccia diretta per la propria salute e il 71% ritiene che l'Italia sia in piena fase pandemica (con il 28% che pensa il peggio debba ancora arrivare), la maggior parte degli intervistati ha dichiarato di essere stanco di limitazioni, divieti e regole alla libertà personale.

Il 60% ha detto di essere stufo di limitare la propria vita sociale, mentre il 50% è stanco di non essere libero di andare in giro per l'Italia, il 47% non ne può più della mascherina e il 31% del distanziamento interpersonale. 

Economia

In generale gli italiani temono più un peggioramento dell'economia che della salute. Il 78% ritiene che il problema più grave dell'Italia oggi è il lavoro e l'economia. Solo per il 57% la salute e il Covid-19 sono una priorità. 

Il terzo problema del Paese, per il 33% degli intervistati, è il funzionamento delle istituzioni e la politica, il 22% ha una preoccupazione maggiore per welfare e assistenza, il 20% immigrazione, l'11% ambiente e sicurezza, e solo il 2% è preoccupato per mobilità e infrastrutture. 

Inoltre il 74% reputa lo stato dell'economia nel Paese negativo o molto negativo e il 61% ritiene che nei prossimi mesi la situazione peggiorerà. Solo il 21% nutre aspettative positive per il futuro.

Tags:
Sondaggio, Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook