17:33 16 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
0 01
Seguici su

L'ex direttrice del Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della Salute dell'Iss si è detta convinta che le vaccinazioni, per avere una reale efficacia, dovranno essere accompagnate da un comportamento responsabile da parte della popolazione,

Le vaccinazioni sono ormai alle porte, ma ciò non deve fare abbassare la guardia alla popolazione italiana, in quanto i primi effetti concreti delle campagne vaccinali potranno essere visibili soltanto dopo la primavera, ovvero quando una buona percentuale della popolazione sarà immunizzata.

Ad affermarlo, in un'intervista rilasciata a Fanpage.it, è l'epidemiologa delle malattie infettive Stefania Salmaso, a lungo direttrice del Centro nazionale di epidemiologia, sorveglianza e promozione della Salute dell'Iss.

"Il vaccino non servirà subito, quando arriverà avremo dosi scaglionate. All'inizio potremo vaccinare forse un milione di persone ma non ci sarà un appuntamento di massa per cui tutti i cittadini verranno immunizzati dall'oggi al domani [...] Il vaccino andrà aiutato con comportamenti responsabili. Se invece il virus circola frequentemente sarà necessario vaccinare molte più persone prima di osservare qualsiasi tipo di effetto. Non abbiamo alcuna aspettativa che da qui alla primavera cambi qualcosa", sono state le parole della Salmaso.

Secondo l'esperta, il rallentamento al quale stiamo assistendo in queste ultime settimane dal punto epidemiologico è da ascrivere in maniera sostanziale all'introduzione di misure più rigide di distanziamento e alla zonizzazione entrate in vigore a partire da ottobre.

"Dobbiamo prima di tutto prendere coscienza del fatto che se c'è stato un rallentamento della crescita della pandemia nelle ultime settimane dopo una fase di crescita esponenziale, verificatasi a ottobre, è stato solo grazie agli interventi di distanziamento e in qualche modo di riduzione della mobilità delle persone", ha dichiarato la professoressa, che si è detta convinta che anche con i primi vaccini un eventuale allentamento contribuirebbe soltanto a riportare la situazione indietro di due mesi dal momento che il virus tornerebbe ad avere grandi possibilità di circolazione.

In questo senso, per le feste di Natale, il consiglio è quello di restringere la cerchia dei contatti, al fine di minimizzare il rischio di infezione e fermare la circolazione virale.

Von der Leyen: "Inizieremo le vaccinazioni nello stesso giorno"

Nella mattinata odierna, in una conferenza stampa dedicata alla questione degli accordi sulla Brexit, la presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen ha reso noto che i 27 Paesi dell'Ue avvieranno nello stesso giorno le vaccinazioni contro il Covid-19.

In precedenza il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia aveva riferito che un periodo papabile per l'avvio della campagna vaccinale di massa potrebbe essere la seconda metà di gennaio.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook