04:06 10 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
0 13
Seguici su

La reazione del primo cittadino di Milano arriva dopo le polemiche per le immagini con le vie del centro delle città prese d'assalto dai cittadini per fare gli acquisti natalizi. Gli fa eco anche il sindaco di Bergamo Giorgio Gori: "troppo facile dire che la gente è irresponsabile".

Il sindaco di centrosinistra del capoluogo lombardo Beppe Sala, pur sostenendo le misure anti-contagio "con equilibrio", si schiera dalla parte dei cittadini che fanno shopping, prendendo d'assalto nella giornata di domenica le vie del centro di Milano. 

In particolare al sindaco di Milano non sono piaciute le parole del commissario per l'emergenza Covid Domenico Arcuri, che ha parlato di "assembramenti irresponsabili". Nel suo ragionamento Sala rileva che i cittadini non hanno violato alcuna norma prevista dal Dpcm, così come nota l'aspetto ipocrita delle critiche allo shopping con provvedimenti come il cashback.

"Disapprovo quelli che si ergono a giudici e dicono “la gente è irresponsabile”. Diciamo ai cittadini che possono uscire e fare acquisti (pensiamo anche all’operazione Cashback) e poi li accusiamo se lo fanno?", scrive Sala su Instagram.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Beppe Sala (@beppesala)

In un intervento a Rtl 102.5 Sala ha poi dato una spiegazione sull'assalto alle vie dello shopping di Milano.

"C'era da aspettarsi che una cosa del genere succedesse, se dici dal 20 dicembre in poi non ti muovi più ecco che ieri a Milano abbiamo avuto una invasione di gente che arrivava dall'hinterland. Non diamo la colpa alla gente," ha affermato Sala, evidenziando come chi decide "deve prendersi la responsabilità".

In sintonia con Sala anche il sindaco di Bergamo Giorgio Gori.

"I cittadini fanno quello che è consentito loro di fare. Se negozi, bar e ristoranti sono aperti, perché non dovrebbero uscire, andare a fare shopping (in più c'è il cashback), pranzare fuori o prendersi un caffè? Cosa ci si aspettava?", ha twittato commentando gli assembramenti rilevati nel capoluogo orobico domenica.

In precedenza il ministro degli Affari Regionali, Francesco Boccia aveva esortato a seguire i passi della Merkel per le feste natalizie, così come, commentando gli assembramenti nelle vie dello shopping come “ingiustificabili, irrazionali e irresponsabili”, aggiungendo che "in questo momento affari e salute non sono conciliabili”.

Tags:
shopping, Coronavirus, Società, Italia, Beppe Sala, Milano
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook