14:46 24 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
Di
130
Seguici su

Nella notte tra il 13 e il 14 dicembre il cielo sarà attraversato dallo sciame meteorico delle Geminidi e si potranno contare fino a 150 stelle cadenti ogni ora.

Sarà una notte speciale quella di Santa Lucia. Tra l’una e le due del mattino tra il 13 e il 14 dicembre, secondo la Nasa, si potranno contare fino a 150 stelle cadenti all’ora, per una media di due comete al minuto.

Ad attraversare il cielo sarà come ogni anno, in questo periodo, lo sciame delle Geminidi. Una vera e propria pioggia di meteoriti che sarà visibile soprattutto nell’emisfero settentrionale. Anche se nel 2020 la luminosità della luna, in fase crescente, potrebbe oscurarne la visuale.

Le Geminidi, spiega l’agenzia Agi, si originano da un asteroide simile ad una cometa, il 3200 Phaethon, scoperto nei primi anni ’80 da un satellite della Nasa, che ogni anno si avvicina al nostro pianeta.

"Nel corso del tempo, la pioggia di meteoriti Geminidi è aumentata di intensità", assicura il capo dell'ufficio della NASA per l'ambiente dei meteoriti, Bill Cooke, citato da Sputnik. Per fare un confronto, cinquant’anni fa, ha spiegato l'esperto, si potevano vedere al massimo "15 o 16 meteore all'ora". Un numero, questo, che in mezzo secolo è aumentato circa dieci volte.  

E per chi si perderà lo spettacolo nella notte tra domenica e lunedì, tra il 17 e il 26 dicembre il cielo sarà di nuovo attraversato da una pioggia di stelle cadenti.

Lo sciame meteorico delle Ursidi, che ogni inverno attraversa il cielo dell'emisfero boreale, dura circa una settimana. Le stelle prendono il nome dal loro radiante, che si trova nella costellazione dell'Orsa Minore.

Secondo gli scienziati, però, quest'anno queste stelle saranno meno visibili nella notte tra il 22 e 23 dicembre.

Correlati:

Santa Lucia, la notte delle stelle cadenti
Tags:
Astronomia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook