22:57 15 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
Di
633
Seguici su

Il leader della Lega si dice pronto a dialogare con il governo sulle chiusure nel periodo natalizio, sulla riapertura delle scuole e sull’utilizzo delle risorse europee, mentre agli alleati del centrodestra chiede che le decisioni siano prese a maggioranza.

“Ho proposto a Conte di incontrarci nei prossimi giorni. Per dirgli che noi ci siamo. Siamo pronti al dialogo”, ha detto Matteo Salvini, che ieri si è scambiato alcuni messaggi con il presidente del Consiglio. “Un dialogo su tutto, anche sull’utilizzo delle risorse del Recovery fund”, ha sottolineato in un'intervista al Corriere della Sera, aggiungendo però che sulla scuola è pronto a dare battaglia.  

“Quello su cui ancora da Conte non c’è stato alcun tipo di riscontro, e mi dispiace, è il tema della scuola. Il governo prevede di riaprire tutto il 7 gennaio, ma l’apertura di settembre ha avuto parte in causa non piccola nei nuovi contagi. La soluzione è meno alunni nelle classi, coinvolgendo le scuole private, stabilizzazione degli insegnanti precari e riorganizzazione dei trasporti pubblici”, ha precisato Salvini.

Decisioni dell’opposizione a maggioranza

Alla domanda se gli alleati del centrodestra siano d’accordo su questa linea, il leader leghista ha risposto: “Agli alleati dico che un’opposizione unita ottiene. Ma per essere uniti, le decisioni della coalizione vanno prese a maggioranza”.

Ai partiti del centrodestra, Salvini ha quindi ricordato che "un'alleanza è tale se tutti quanti accettano le decisioni comuni. Non è che per un po’ di visibilità ci si distingue a ogni occasione". E “nel momento in cui maggioranza è più traballante che mai, e lo dico consapevole che l’opposizione lo è stata nei mesi passati, il nostro essere uniti ha portato il risultato. Sembra che stiamo portando a casa 400 milioni sulle voci del trasporto pubblico locale, delle risorse alle Regioni, dello sconto alle bollette energetiche delle imprese. Un mese fa questo non lo avremmo ottenuto”.

Nell’incontro avuto ieri con gli alleati, “non si è parlato” delle elezioni amministrative del prossimo anno:

“Oggi scade il tempo utile a presentare gli emendamenti alla manovra, e di quello abbiamo parlato: di una dura opposizione comune a questa manovra”.
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook