01:56 20 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
403
Seguici su

Il professor Bassetti ha stigmatizzato l'atteggiamento di alcuni volti della politica e della comunità scientifica che hanno mostrato scetticismo nei confronti dell'utilizzo del vaccino contro il coronavirus.

La società civile, ed in particolar modo coloro che si occupano di ricerca o che fanno politica, dovrebbero credere maggiormente nelle indicazioni degli enti regolatori che in questo periodo sono impegnati nella certificazione dell'efficacia e della sicurezza dei vaccini anti-Covid-19.

A sostenerlo, incalzando tutti gli scettici del vaccino per il coronavirus, è il professor Mario Bassetti, che con un post su Instagram ha lanciato un monito, avvertendo che il rischio di tali dichiarazioni è che in molti scelgano di non vaccinarsi andando a creare un problema per tutta la popolazione:

"Si continua a sentire qualcuno, politici compresi, che ripete: 'Se il vaccino sarà sicuro...'. Ma è ovvio che una volta approvato, sarà sicuro perché significa che avrà superato tutti i test. O lo diciamo tutti insieme senza esitazione oppure il rischio è che moltissimi non si vaccineranno per il covid e questo sarà un grande problema. Per la nostra società. Per tutti noi", sono state le parole scelte da Bassetti.

Commissione europea spinge per le vaccinazioni di massa

Nella giornata di ieri la Commissione Europea, per voce di un portavoce del servizio stampa, promette di effettuare rapidamente tutti gli step necessari da parte sua per permettere l'ammissione al mercato dell'UE dei vaccini COVID-19 verificati dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA).

Nel suo comunicato il funzionario non ha specificato quando potrà essere presa una decisione pertinente. Tuttavia è stato affermato che la decisione della Commissione Europea dopo l'autorizzazione dell'EMA sarà presa in una "questione di giorni".

Intanto quest'oggi il Regno Unito è stato il primo Paese in Europa ad annunciare vaccinazioni di massa la prossima settimana.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook