10:14 23 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
1055
Seguici su

Gli indagati, che trasferivano soldi ad un foreign fighter in patria, dovranno ora restituire circa 12.000 euro, percepiti dopo aver dichiarato posizioni reddituali e lavorative false.

La Guardia di Finanza di Bologna ha smascherato il finanziamento di un foreign fighter islamico iscritto nelle liste antiterrorismo del Belgio e localizzato in Tunisia da parte di due connazionali residenti in Emilia Romagna. A riportarlo quest'oggi è il portale Bologna Today.

Le indagini, condotte dalle Fiamme gialle del G.I.C.O. - Gruppi d'Investigazione sulla Criminalità Organizzata - del nucleo di polizia economico-finanziaria di Bologna sotto la direzione del p, Antonio Gustapane, hanno portato alla luce dei trasferimenti che venivano effettuati attraverso un money transfer situato in provincia di Ferrara e sono state svolte nell'ambito delle attività di prevenzione dell’utilizzo del sistema finanziario con finalità di finanziamento al terrorismo. 

A portare sulla pista giusta gli inquirenti sono state le operazioni sospette, che sono sfociate nell'analisi dei flussi di conti correnti bancari e il ricorso alla cooperazione internazionale con l'Europol attraverso il Terrorism finance tracking program.

Il reddito di cittadinanza per finanziare il terrorismo

L'inchiesta ha inoltre chiarito che i quattro giovani tunisini percepivano il reddito di cittadinanza, dichiarando posizioni reddituali e lavorative false.

Proprio con i soldi ottenuti dal sussidio, circa 12.000 euro che ora saranno tenuti a restituire, i quattro avevano deciso di finanziare il terrorismo in patria.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook