12:00 08 Maggio 2021
Italia
URL abbreviato
4016
Seguici su

Il pilota di Formula 3 Alessio Deledda ha caricato un video su Instagram, in cui si vede mentre viola varie norme del codice stradale, mettendo a rischio gli altri automobilisti e sè stesso. L'ultimo episodio è avvenuto in autostrada in Italia e la bravata del pilota romano è con una Lamborghini Urus.

Nel video, che Alessio Deledda ha caricato sulle sue storie Instagram, si può vedere come sorpassa diversi veicoli sulla destra in una zona ad alto traffico, raggiungendo i 160 km/h. Ad un certo punto è costretto a frenare improvvisamente quando due corsie vengono bloccate, ma non appena una terza si libera a destra, accelera per riprendere le sue evoluzioni.

Successivamente Deledda ha cancellato questo video dopo il clamore che ha suscitato tra gli internauti e in cambio ha caricato un'altra storia con un messaggio molto chiaro: "meglio essere invidiati che condivisi". Ha poi detto che non era stato lui a guidare nel video. 

​Non è la prima volta che il pilota italiano carica sui social dei video che mostrano come mette a rischio gli altri guidatori.

Nelle registrazioni precedenti il pilota è stato visto passare su una strada a doppio senso con una doppia linea continua a più di 160 km/h con le auto che sopraggiungevano in direzione opposta. In un'occasione Deledda ha portato la sua Lamborghini a quasi 200 km/h su strade molto strette ed oltre 300 km/h in autostrada, il tutto mentre si riprendeva.

Agendo così, il comportamento del pilota contraddice le campagne di sicurezza stradale promosse dalla Formula 1 e la Formula 3.

A 26 anni, Deledda è in Formula 3 da due stagioni e non ha ancora totalizzato punti. Corre per il team spagnolo Campos Racing, guidato da Adrián Campos ed i suoi migliori risultati nel 2020 sono stati due 20esimi posti.

Il giovane ha corso in moto fino al 2017, anno in cui ha partecipato al campionato italiano Superstock 600. Poi è passato alla Formula 4 italiana, dove non ha vinto, ma è comunque arrivato in Formula 3.

Nel frattempo la Fia non ha rilasciato dichiarazioni sul caso o sulla punizione che il pilota potrebbe ricevere. Tuttavia un appassionato di questo sport, Nico C. Greene, sta raccogliendo tutti i misfatti di Deledda per farlo condannare dalla giustizia sportiva.

Tags:
Società, Social Network, Auto
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook