04:01 28 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
121
Seguici su

La Guardia di Finanza di Corleone avrebbe scoperto una‌ ‌serie‌ ‌di‌ ‌irregolarità‌ ‌nelle‌ ‌istanze‌ ‌presentate‌ ‌da‌ ‌parte‌ ‌di‌ ‌‌otto ‌‌richiedenti‌ del ‌buono‌ ‌spesa‌,‌ ‌e‌ due ‌richiedenti‌ ‌il‌ reddito‌ ‌di‌ ‌emergenza‌,‌ ‌tutti‌ ‌residenti‌ ‌nel‌ ‌comune‌ ‌siculo.

Dieci persone sono state arrestate a Corleone, in provincia di Palermo, tutte per irregolarità in merito alla domanda per la percezione di reddito di emergenza e buono spesa. Lo riporta NewSicilia.

Avevano tutte dichiarato di essere in presenza dei requisiti per accedere ai buoni richiesti, finché le Fiamme Gialle non ‌hanno scoperto che i loro nuclei‌ ‌familiari‌ ‌già percepivano‌ ‌dallo Stato altre‌ ‌forme‌ ‌di‌ ‌sostegno‌ ‌economico. Elemento, questo, che le escludeva da ogni possibile richiesta delle misure socio-assistenziali previste per fronteggiare l'emergenza.

I dieci rei, quindi, sarebbero stati segnalati per‌ ‌la‌ ‌decadenza‌ ‌dall’ammissione‌ ‌ai‌ ‌benefici‌ ‌richiesti‌ ‌e‌ ‌denunciati‌ ‌alla‌ ‌‌Procura‌ ‌‌‌per‌ ‌indebita‌ ‌percezione‌ ‌di‌ ‌erogazioni‌ ‌ai‌ ‌danni‌ ‌dello‌ ‌Stato‌ ‌e‌ ‌falso‌ ‌in‌ ‌atto‌ ‌pubblico.‌

La Guardia di Finanza avrebbe inoltre avviato le operazioni di recupero delle somme già incassate, il cui totale ammonterebbe a oltre 6 mila euro.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook