18:13 28 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
Di
0 40
Seguici su

Una missione del gruppo subacqueo della Soprintendenza del Mare, coordinato da Stefano Vinciguerra, con il contributo della Guardia di Finanza di Licata e della Guardia Costiera di Gela, ha riportato alla luce diversi reperti risalenti al VI secolo a.C. davanti alle coste di Bulala, in Sicilia.

Statuette, coppe per le bevande di età greca e una grande ancora. Sono alcuni dei reperti venuti alla luce grazie ad una missione del gruppo subacqueo della Soprintendenza del Mare, coordinato da Stefano Vinciguerra, con il contributo della Guardia di Finanza di Licata e della Guardia Costiera di Gela.

La ricognizione, come riferisce il quotidiano La Sicilia, è scattata dopo la segnalazione di un sub gelese alla Soprintendenza, e ha permesso di portare alla luce diverse suppellettili risalenti al VI secolo a.C.

Si tratta di alcune coppe di età greca di diverse fattezze e profondità, e di un oggetto in pietra, forse una piccola statua appartenente ad un membro dell’equipaggio di uno dei relitti che si trovano sul fondale della fetta di Mediterraneo che si trova davanti a contrada Bulala.

Sempre La Sicilia dà notizia del ritrovamento di un’ancora in ferro e di un carro armato della seconda guerra mondiale andato a fondo, probabilmente, durante lo sbarco degli anglo-americani sull’isola.

Il governatore della Sicilia, Nello Musumeci, ha definito la città di Gela uno “scrigno che racconta una parte importante della nostra storia antica”. “Un prezioso contenitore di testimonianze archeologiche” verso il quale, assicura il governatore, citato dallo stesso quotidiano, “continua l’opera di valorizzazione con interventi che possano fornire occasione di riscatto culturale e sociale a un territorio che per troppo tempo è stato mortificato”.

Anche l’assessore ai Beni Culturali della Regione, Alberto Samonà, è sulla stessa linea, sottolineando come “l'archeologia subacquea”, oltre che avere una grande importanza dal punto di vista scientifico, possa assumere “un grande valore per le potenzialità che offre come segmento molto particolare dell’offerta turistico-culturale”.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook