07:36 02 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
125
Seguici su

Da più esponenti del Governo, a partire dal presidente del Consiglio, sul Natale arrivano segnali di timida apertura ma si viaggia nei fatti con il freno a mano tirato perché la paura di ripetere a gennaio le scene di queste ultime settimane e di quelle di febbraio e marzo scorsi è tanta.

Secondo indiscrezioni di stampa le regioni che riusciranno a mantenere la collocazione in zona gialla fino a Natale saranno le più fortunate. Per queste, almeno, si potrebbe configurare uno spostamento del coprifuoco a Natale dalle ore 22.00 alle ore 24.00 e consentire addirittura l’apertura di bar e ristoranti.

Ovviamente sono solo indiscrezioni tutte da confermare. Per ora Conte, e gli altri ministri, vice ministri e segretari che si sono espressi sull’argomento hanno solo detto che si potrà vivere una cena con pochi intimi e che per le attività ci saranno delle aperture, ma non è stato specificato quali attività potranno riaprire.

Coprifuoco a Natale, riaprono i centri commerciali

I centri commerciali sono al momento chiusi nei fine settimana nelle zone gialle e chiusi del tutto o quasi nelle altre zone (arancione e rossa).

Si ipotizza una riapertura dei centri commerciali anche nel fine settimana e una apertura dei negozi addirittura fino alle 22.00.

I dati comandano?

La situazione resta molto complessa da sbrogliare. Perché se è vero che la collocazione in zona arancione e rossa delle regioni è stata una scelta per abbassare la curva epidemiologica e allentare la pressione sugli ospedali e indirettamente consentire a dicembre una vita più libera, nei fatti nessuno è ancora in grado di dire come effettivamente l’Italia si presenterà all’appuntamento con dicembre.

Se nel malaugurato caso in cui i dati dovessero mostrare una diffusione del contagio ancora alto in alcune regioni, il Governo si prenderà il rischio di concedere comunque aperture? E di che tipo?

Si potrebbe palesare anche uno scenario con Natali diversificati regione per regione in base alla zona di appartenenza. Un scelta politicamente difficile e impopolare, ma al momento tutte le supposizioni e ipotesi sono tali.

Tags:
Auguri di buon Natale, Natale
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook