17:27 29 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
0 212
Seguici su

Il premier, intervenendo all'assemblea annuale della Fipe (Federazione Italiana Pubblici Esercizi), ha affermato che l'impatto della pandemia richiede "un impegno finanziario prolungato nel tempo e anche più corposo di quanto sin qui fatto", con la consapevolezza che "quanto sin qui fatto non è sufficiente".

"Ci premono i tempi dei contenimenti del contagio. Il sistema per parametri ci consente interventi mirati e di introdurre misure restrittive che siano limitate nel tempo e ben dosate sull'effettivo livello di rischio dei territori. Cerchiamo così di contenere e limitare il contagio", ha spiegato Conte.

Per il premier l'impatto della pandemia richiede "un impegno finanziario prolungato nel tempo e anche più corposo di quanto sin qui fatto" e per questo il governo "è già al lavoro per ulteriori provvedimenti di sostegno e ulteriori risorse". "Ci rendiamo conto che quanto sin qui fatto non è sufficiente", ha infatti ammesso il Primo ministro. 

Conte ha affrontato anche il tema dell'agevolazione per gli affitti.

"L'affitto per i commercianti è un costo importante, gravoso per chi opera nelle aree più esposte alla crisi. Sono consapevole di quanto sia sentito questo tema, incontro spesso tanti singoli esponenti di questa categoria. Dobbiamo ragionare su schemi di incentivazione fiscale senza penalizzare i proprietari di immobili", ha dichiarato.

Oltre a considerazioni relative alla categoria, il premier ha fornito anche riflessioni più generali. 

"È una fase evidentemente difficile della nostra storia repubblicana, un momento molto complesso dal punto di vista economico e sociale. C'è un disagio diffuso sociale e anche psicologico da parte di tanti cittadini e operatori economici. Dobbiamo tenerne conto: quanto più rapidamente riusciremo a contenere il contagio, tanto più rapidamente potremo ridare la fiducia necessaria a ripartire. Ci premono i tempi di contenimento del contagio", ha affermato.

Conte ha parlato anche della strategia adottata per arginare questa seconda ondata.

"Abbiamo adottato misure per contenere al massimo il contagio. Dopo la prima battaglia contro il virus, quella che abbiamo di fronte è una sfida non meno insidiosa che nessuno può vincere da solo: commercianti, imprese, istituzioni, singoli cittadini devono fare squadra", ha aggiunto.

Infine, altre line programmatiche relative al settore del commercio. 

"Penso che un'alterazione delle abitudini di vita dei cittadini potrebbe arrivare dal fatto che si sta facendo grande ricorso agli acquisti online: questo può ridefinire alcune filiere economiche. Dobbiamo mantenere in equilibrio il settore commerciale, altrimenti sarà difficile intervenire dopo", il suo proposito.
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook