01:00 01 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
2118
Seguici su

Negli ultimi giorni le sneakers facenti parte del fan set di capi di abbigliamento ufficiali prodotti dall'azienda sono andate letteralmente a ruba, dando il là a diffusi fenomeni di lucro, con le scarpe che vengono rivendute a cifre pari a 10 o più volte il prezzo di mercato.

E' una vera e propria Lidl-mania quella scoppiata in Italia nelle scorse ore, con i capi di abbigliamento griffati con il logo della catena di supermercati tedesca andati letteralmente a ruba e protagonisti addirittura di fenomeni di rivendita sul web a prezzi a dir poco maggiorato.

Particolarmente fortunati i modelli di scarpe modello sneakers, che sui siti di compravendita online possono essere acquistate a cifre che superano abbondantemente i 200-250 euro, ma a volte anche ben più alte a fronte di un prezzo di vendita di appena 12,99 euro.

A ruba anche altri capi di abbigliamento, quali ciabatte, magliette e calzini, tutti venduti nel Lidl fan set ufficiale, e diventati a dir poco introvabili nel giro di poche ore dopo la loro messa in commercio.

Perché tanto successo?

Il grande successo sul mercato italiano, va a replicare quello ottenuto qualche settimana fa nei mercati del Nord Europa, e può essere almeno in parte motivato dall'uscita di questi capi di abbigliamento prima rispetto all'uscita delle nuove collezioni dei grandi brand della moda.

Un risultato che desta grandissimi dubbi però, soprattutto dal punto di vista estetico, dal momento che le sneakers Lidl, così come gli altri capi di abbigliamento sopracitati non sembrerebbero distinguersi né per una particolare qualità dei materiali, né tantomeno per un design all'avanguardia.

E il web si divide tra parodia e sdegno

L'improvvisa acquisizione di popolarità non ha ovviamente lasciato indifferenti gli utenti del web, che nelle scorse ore hanno dato sfogo alla propria fantasia pubblicando delle foto che vanno sostanzialmente a prendere in giro la moda del momento, presentando dei capi di abbigliamento fai-da-te recanti il logo di altre note catene di supermarket quali Conad e altri.

​Non manca però chi, specie in ragione del periodo di emergenza sanitaria vissuto in Italia, ha voluto mostrare tutto il proprio sdegno per le operazioni di lucro che hanno visto protagonisti i capi di abbigliamento griffati con il logo della nota catena tedesca.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook