18:42 28 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
112
Seguici su

Nell'ultima settimana è avvenuto un appiattimento della curva dei contagi con una riduzione dell'indice Rt al di sotto della soglia di 1,5. Ma il presidente dell'Accademia dei Lincei ritiene che questo dato sia inaffidabile o irrilevante.

Il presidente dell'Accademia dei Lincei, Giorgio Parisi, avverte: "L'Rt così non è affidabile". Il professor Parisi, fisico autorevole e tra i più importanti scienziati italiani, ospite alla trasmissione di Lucia Annunziata "Mezz'ora in Più", smorza l'ottimismo degli ultimi giorni riguardo la riduzione dell'indice dei contagi e dell'appiattimento della curva. 

"Capisco le difficoltà di fare delle stime - spiega - ma il calcolo dell'Rt dovrebbe rintracciare le persone che si sono ammalate e capire quando si sono ammalate. Va fatto sforzo enorme, è normale che ci siano difficoltà visti i numeri". 

Nell'ultima settimana il fattore Rt è sceso dall'1,72 a 1,43. Una notizia che è apparsa come la luce fuori dal tunnel, dopo lo tzunami di contagi che ha investito il Paese a partire dal 18 ottobre, portando i positivi giornalieri da meno di 5.000 a oltre 30.000 in pochi giorni e sottoponendo a un forte e improvviso stress le strutture ospedaliere.

Per Francesco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore della Sanità, la riduzione dell'indice Rt è il primo risultato delle restrizioni adottate a fine ottobre che iniziano a mostrare i loro effetti sulla curva dei contagi. 

"Il dato relativo all’Rt è un indicatore della decelerazione", ha detto Locatelli ieri, dopo la riunione della cabina di regia. 

Ma Parisi fa notare che il calcolo di Rt in queste ultime settimane è diventato sempre più inaffidabile e la discesa dell’Rt stimato è completamente irrilevante. "Il sistema di monitoraggio non riesce a dare  un’informazione precisa sugli sviluppi dell’epidemia", scrive lo scienziato in un articolo pubblicato domenica su Huffington Post. 

Questa domenica sono stati registrati 33.979 nuovi nuovi casi di positività al nuovo coronavirus con 195.275 tamponi. Rispetto a ieri i tamponi sono 32.420 in meno rispetto. Il numero delle persone decedute è di  546 per un totale di 45.229 dall'inizio dell'epidemia.

Tags:
Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook