22:27 03 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
Di
0 11
Seguici su

L'iniziativa lanciata dal rapper Fedez assieme ad altri colleghi punta a sostenere i lavoratori dello spettacolo rimasti senza reddito per colpa della pandemia. Alla creazione del fondo hanno contribuito decine di artisti e aziende: "Raccolti due milioni di euro in due settimane".

Due milioni di euro per i lavoratori del mondo dello spettacolo rimasti senza un impiego per colpa della pandemia. È l’iniziativa di Fedez, Achille Lauro, Calcutta e decine di altri artisti che hanno creato Scena Unita, il primo fondo collettivo dedicato a sostenere “un settore messo in ginocchio, in cui migliaia di persone sono rimaste senza un reddito e prospettive future”.

Dopo la raccolta fondi per il San Raffaele di Milano il rapper marito dell’influencer da 21,8 milioni di follower, Chiara Ferragni, si è lanciato in un nuovo progetto di solidarietà. Questa volta in favore di chi è stato travolto forse più di altri dalla crisi economica prodotta dal Covid.

“In due settimane abbiamo creato il primo fondo creato dagli artisti per aiutare i lavoratori dello spettacolo”, ha spiegato Fedez ai suoi follower su Instagram. Si tratta, ha specificato, di “un’iniziativa collettiva importante in un momento in cui il clima è teso e divisivo”, che manda un messaggio di “coesa partecipazione”.

Assieme alle donazioni degli artisti ci sono anche quelle delle società che collaborano con le star della musica e dello spettacolo. Tra le più importanti Fedez cita Amazon Prime Video e Intesa San Paolo. L’obiettivo è quello di estendere la platea degli artisti che hanno aderito – finora più di 70 – ed aumentare il budget per poter sostenere quante più persone possibile.

I soldi, ha spiegato il musicista su Instagram, serviranno non solo a sostenere economicamente chi è in difficoltà ma anche a finanziare i progetti a fondo perduto. “Molti di questi lavoratori – ha spiegato Fedez - vogliono lavorare anche sotto questa emergenza, perché la musica e l’intrattenimento si possono fare anche in maniera diversa”.

“Non è elemosina, è un atto dovuto”, ha concluso il rapper ringraziando chi ha aderito all’iniziativa.

L’iniziativa è stata presentata con una conferenza stampa in streaming, come riferisce l’Huffington Post. Tra gli artisti che hanno aderito ci sono cantanti come Gianni Morandi, Gianna Nannini, Achille Lauro, Manuel Agnelli, Calcutta, Shade, Claudio Baglioni, Emma Marrone, Lo stato Sociale, Levante, Alessandra Amoroso, Caparezza, Elio e le storie tese, Gigi D’Alessio, Baby K, Ermal Meta, Fabrizio Moro, Elisa, Coez, Il Volo, Tommaso Paradiso e i Pinguini tattici nucleari, e poi attori come Sabrina Ferilli e Carlo Verdone, e presentatori e showman tra cui Paolo Bonolis, Maria De Filippi, Amadeus, Lorella Cuccarini e Fiorello Elisa.

Il fondo, come si legge sullo stesso quotidiano online, avrà il patrocinio del Mibact, e sarà gestito da una Onlus bergamasca Cesvi, assieme a La Musica Che Gira e Music Innovation Hub.

Correlati:

Coronavirus, da Fedez e Ferragni 100mila euro al San Raffaele per posti in terapia intensiva
Uso della mascherina, Conte chiama e Fedez risponde
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook