18:38 25 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
0 30
Seguici su

10 anni di Dieta Mediterranea nel patrimonio Unesco come modello di vita sostenibile a partire dalla terra e dagli allevamenti, fino alla tavola. Il 16 novembre le celebrazioni.

Il prossimo 16 novembre 2020 faranno 10 anni che la Dieta Mediterranea è entrata a far parte del patrimonio immateriale dell’umanità dell’Unesco. Ma la sua “promozione” non è solo un riconoscimento culturale al popolo mediterraneo che l’ha costituita e conservata nei secoli, essa è anche uno stile di vita alimentare elevato a modello.

Un modello che si distanzia dai fast food, che non contempla il mangiare insetti, così come non fa parte della Dieta Mediterranea eliminare il pane dalle tavole degli italiani per sostituirlo con i grissini.

La Dieta Mediterranea è anche rispetto delle colture e dell’agricoltura, rispetto degli agricoltori che da secoli coltivano i prodotti della terra che sono alla base della Dieta Mediterranea.

Essi sono prodotti non OGM, non realizzati in laboratorio, e nemmeno nelle serre LED dove si usa la luce artificiale per far crescere le piante! E bisogna ricordare che la Dieta Mediterranea non è solo vegetali, ma comprende anche la carne quindi il regime alimentare di chi segue la vera Dieta Mediterranea è onnivoro.

Celebrazioni 10 anni Dieta Mediterranea patrimonio Unesco

Il Ministero dell’Ambiente, in collaborazione con il Ministero degli Esteri, per il giorno lunedì 16 novembre organizza una celebrazione commemorativa a ricordo del riconoscimento che l’Unesco ha dato alla Dieta Mediterranea.

“Un esempio concreto di sviluppo sostenibile e tutela della biodiversità, contro lo spreco alimentare”, queste le parole del ministro dell’Ambiente Sergio Costa usate per presentare la celebrazione.

L’evento, organizzato con la partecipazione anche del Ministero delle Politiche Agricole, dell’Istruzione e dei Beni Culturali, sarà trasmesso in diretta attraverso la pagina Facebook ufficiale del Ministero dell’Ambiente.

“Come ha riconosciuto l’UNESCO, la Dieta Mediterranea costituisce una tradizione che unisce insieme più generazioni in una saggezza millenaria, rispettando i cicli stagionali e l’utilizzo sostenibile delle risorse naturali. Per l’UNESCO ad essere l’emblema di questa tradizione è il Cilento, il luogo simbolo dello stile di vita patrimonio dell’umanità, e il comune di Pollica (Salerno, ndr), in particolare, dove lo studioso americano Ancel Keys, negli anni ’50 (del 1900, ndr), teorizzò i suoi studi sul mangiar sano all’italiana salvaguardando l’ecosistema”, scrive il ministero dell’Ambiente nel comunicato stampa di presentazione delle celebrazioni per i 10 anni della Dieta Mediterranea patrimonio Unesco.

Tags:
Cibo, Alimentazione, dieta
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook