03:56 29 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus nel mondo: oltre 30 milioni contagiati (173)
334
Seguici su

Il commissario per l'emergenza Covid frena facili entusiasmi dopo le confortanti notizie sui test del vaccino elaborato da Pfizer e Biontech: "non sarà disponibile da domani, né da subito per tutti".

Il commissario Domenico Arcuri ha esternato le aspettative delle autorità italiane su quando e in quali quantità il vaccino contro il coronavirus sarà disponibile nel Belpaese.

"Confidiamo di poter vaccinare i primi italiani alla fine di gennaio. Un milione e 700mila nostri cittadini", ha dichiarato, aggiungendo che già da adesso si sta lavorando a come "organizzare la distribuzione, la logistica, molto complicata e la conservazione, anche questa complicata, delle prime dosi di vaccino che arriveranno".

Arcuri ha ribadito ancora una volta che le prime dosi saranno riservate alle categorie più fragili e alle persone maggiormente esposte al rischio contagio.

"Gli italiani verranno vaccinati in funzione della loro fragilità e della loro potenziale esposizione al virus. Le persone che lavorano negli ospedali saranno tra le prime a cui bisogna somministrare i vaccini così come le persone più anziane e che sono più fragili dovranno arrivare prima di quelle più giovani".

In precedenza la Commissione Europea ha dichiarato di aver siglato un accordo con Pfizer e BioNTech per la fornitura di 300 milioni di dosi del nuovo vaccino anti-Covid, di cui il 13,7% andrà all'Italia.

Tema:
Coronavirus nel mondo: oltre 30 milioni contagiati (173)
Tags:
vaccino, Italia, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook