07:10 02 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
0 24
Seguici su

Pierpaolo Sileri ragiona sull'ipotetico lockdown nazionale e su come ci gusteremo il panettone e il pandoro a Natale. Si decide settimana per settimana, con l'augurio che le regioni migliorino.

“Non è vero, non è vero” che nel fine settimana il Governo deciderà sul lockdown generalizzato, dice con fermezza Pierpaolo Sileri viceministro alla Salute, ospite telefonico del programma radiofonico ‘Un giorno da pecora’.

“Dopo domani, che è venerdì, dopo aver ricevuto tutti i dati in maniera completa decideremo attraverso la Cabina di regia se vi sono altre Regioni che meritano un passo successivo in termini di gravità, quindi ulteriori chiusure”, afferma Sileri che poi aggiunge:

“È chiaro che è possibile, ma non probabile, che se i dati sono brutti su tutta l’Italia, avremo più regioni arancioni o più regioni rosse. Se i 21 sistemi sanitari dovessero presentare condizioni di criticità, potremmo avere 21 regioni rosse.”

Questo spiega Sileri ed è chiaro afferma, che “se abbiamo 21 regioni rosse, abbiamo un lockdown nazionale. Ma non è questo che verosimilmente accadrà, perché non tutti i dati delle Regioni sono gravi nella stessa identica maniera”.

Il problema Campania

“Se mi chiedete tra l’osservato e il percepito in alcune aree della Campania, vi dico che ci sono delle aree molto critiche”, dice Sileri che rivela di esserci stato in Campania a vedere da vicino la situazione.

Il Natale

Questo Natale “potremo fare molto di meno di quello che abbiamo fatto il Natale scorso”, ma se si dovesse avere una attenuazione della curva, “potremmo tutti considerarci in area gialla o arancione, questa è la mia ipotesi,…” dice Sileri, in questa situazione potremo trascorrere delle festività con un numero di persone limitato.

Ora però “a un mese e mezzo dal Natale”, aggiunge il viceministro, è presto sapere come saremo combinati a Natale.

Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook