04:19 29 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
232
Seguici su

Continua la mobilitazione dei lavoratori Whirlpool che non rinunciano alla lotta per il proprio posto di lavoro e questa mattina hanno occupato pacificamente l'aeroporto Capodichino.

Questa mattina, dopo un'assemblea di fabbrica, i lavoratori della Whirlpool di Napoli si sono mossi in corteo raggiungendo l'aeroporto di Capodichino e occupando pacificamente l'area delle partenze. Una manifestazione pacifica per tenere alta l'attenzione, che non ha causato disagi ai viaggiatori. 

"L'iniziativa di oggi conferma la volontà dei lavoratori di continuare a tenere aperta la vertenza fin quando non si riprende la produzione delle lavatrici a Napoli", ha dichiarato in una nota il segretario generale Fiom-Cgil Napoli, Rosario Rappa.

"E' necessario che il governo convochi urgentemente un tavolo con la Whirlpool e con il sindacato - prosegue Rappa - per convincere la multinazionale a riprendere la produzione, in considerazione del boom del mercato degli elettrodomestici. La vertenza continua e il livello di tensione cresce: il governo si assuma le sue responsabilità e agisca di conseguenza". 

La vertenza Whirlpool 

Il 31 ottobre lo stabilimento Whirlpool di Napoli ha cessato la propria attività. Una decisione in rottura con gli accordi precedentemente presi con il governo, nel 2018, con cui si prevedevano investimenti sulla fabbrica di Napoli, in modo da garantire la continuità produttiva e il livello occupazionale. 

I lavoratori e i rappresentanti sindacali non rinunciano però alla perdita del posto di lavoro e stanno portando avanti una serie di mobilitazioni per chiedere un intervento concreto al governo. La scorsa settimana hanno occupato la stazione centrale di Napoli. 

Tags:
CGIL, Whirlpool, Napoli, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook