04:00 29 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
635
Seguici su

Il ministro della Salute ha sottolineato che a fare la differenza, nei mesi più duri, è stato proprio “il comportamento individuale”, invitando quindi i cittadini a “tornare allo spirito di marzo” e a “ridurre drasticamente le relazioni sociali".

“Ci sono le ordinanze dei ministri, ci sono le ordinanze dei presidenti di regione, c’è il lavoro dei sindaci che è straordinario e prezioso. Ma poi alla fine quello che ha fatto la differenza, nel mese di marzo e nel mese di aprile, è stato il comportamento individuale”, ha detto Speranza nell'intervista concessa alla trasmissione tv Mezz’ora in Più.

A fronte del crescente numero dei contagi, il governo ha diviso il paese in tre zone - rossa, arancione e gialla - a seconda della situazione di rischio valutata in base a 21 criteri. Ma per il ministro è necessario che “tra le persone torni lo spirito di consapevolezza di marzo” perché “il virus circola dappertutto e stare in zona gialla non significa stare in zona verde o stare in un porto sicuro”. 

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 32.616 nuovi casi Covid e 331 decessi. 

“Le difficoltà ci sono in tutti i territori, se non invertiamo la curva il nostro Servizio sanitario nazionale andrà in crisi”, ha ammonito Speranza. 

Il nodo Calabria

Interpellato poi sul nuovo Commissario per la Sanità della Calabria, Giuseppe Zuccatelli, finito nella bufera solo poche ore dopo la nomina per un video in cui sosteneva l’inutilità della mascherina, Speranza ha detto: “Trent’anni di carriera non si possono cancellare per un video sbagliato e rubato”.

Zuccatelli è subentrato a Saverio Cotticelli, rimosso dal governo per aver predisposto il piano di emergenza per la seconda ondata di coronavirus. In Calabria la sanità è commissariata da quasi 11 anni e la regione è stata classificata come zona rossa.

Per Speranza il governo vuole “far ripartire la sanità calabrese", anche “provando a coinvolgere ulteriori personalità che possono costruire questo momento di rinascita”.

“Io vorrei che il messaggio fosse questo: una nuova presa in carico della questione della sanità calabrese come questione nazionale, non territoriale", ha concluso.
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook