15:57 28 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
448
Seguici su

Da Trieste sino a Vittoria, nel profondo Sud, fioccano già le prime multe per i numerosi trasgressori delle nuove regole anti-contagio previste dal Dpcm. Ecco alcuni degli casi più singolari.

Il nuovo Dpcm è entrato in vigore da appena un giorno, ma i furbetti che cercano di eludere le restrizioni nelle zone rosse sono sempre in agguato.

Il governo ha deciso di utilizzare la mano morbida, per non esasperare gli animi già provati degli italiani, ma i controlli non si fermano.

E così scattano le prime multe per chi è beccato a infrangere le regole. 

Da Nord a Sud sono già diverse le persone beccate senza mascherina, in giro durante il coprifuoco senza giustificato motivo o addirittura per strada a spacciare droga in comuni designati zona rossa.

  • Le multe per chi infrange le regole partono da 280 euro sino a 560 euro per chi effettua spostamenti ingiustificati, mentre chi viola la quarantena rischia una denuncia penale con arresto da 3 a 18 mesi e sino a 5000 euro di sanzione. 

Ecco dove sono stati pizzicati i furbetti del Dpcm. 

Senza mascherina in Val di Flemme: multati in cinque

I carabinieri di Cavalese, nel corso di alcuni controlli, hanno multato cinque giovani per il mancato uso della mascherina. Una giovane, in particolare, è stata pizzicata senza mascherina in attesa dell'autobus e, secondo quanto riferiscono i militari alla stampa locale, si è mostrata "insensibile verso i rischi per la salute derivanti" dalla propria condotta, rifiutando "con sfrontatezza" all'invito di indossare correttamente la mascherina, pur trovandosi in una condizione tale da non garantire il necessario distanziamento dalle altre persone. A tutti i trasgressori è stata comminata una sanzione minima di 400 euro. 

Bologna, viola il coprifuoco per stare con la fidanzata

Un automobilista bolognese di 43 anni è stato multato perché beccato in giro alle 23.30 senza un giustificato motivo. Ai carabinieri che lo hanno fermato, l'uomo ha spiegato che stava rientrando a casa dopo una serata con la sua fidanzata, con la quale, evidentemente, si era intrattenuto troppo a lungo, oltre l'orario massimo consentito dal regolamento. I militari non hanno ritenuto che la giustificazione data non rientrasse nelle ragioni d'urgenza indicate nel Dpcm e hanno impartito una sanzione al 43enne. 

Negoziante di Genova senza mascherina

La polizia municipale di Genova ha chiuso per 5 giorni un'attività commerciale dopo aver pizzicato il negoziante senza mascherina. Il commerciante, che era stato già sanzionato a giugno e luglio e segnalato alla prefettura, è stato nuovamente beccato dagli agenti a servire i clienti del suo negozio di alimentari, senza guanti e mascherina. Adesso dovrà restare chiuso per 5 giorni. 

Spacciatori in zona rossa a Vittoria

Il Covid19 non scoraggia il crimine e le piazze di droga di Vittoria, comune siciliano in provincia di Ragusa, dichiarato da qualche giorno zona rossa per via dell'elevato numero di contagi. Due spacciatori sono stati sorpresi mentre vendevano una di marijuana a un cliente. I due uomini, di 56 e 35 anni, ambedue disoccupati, sono stati arrestati dai carabinieri dei nuclei Operativo e Radiomobile della locale compagnia. Inoltre, spacciatori e clienti sono stati sanzionati per violazione delle misure restrittive previste nella zona rossa.

Tags:
carabinieri, Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook