18:30 25 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
0 01
Seguici su

Al 7 novembre risultano presenti oltre 400 positivi al Covid tra i detenuti nelle carceri italiane. Riporta il dato l'Ufficio del Garante nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale.

Secondo l'ultimo bollettino del Garante nazionale, aumenta il contagio da Covid tra i detenuti nelle carceri italiane.

Rispetto alla precedente rilevazione del 28 ottobre scorso, dove erano 150 i reclusi positivi, ora il numero è salito a oltre 400.

"La tipologia della diffusione del contagio, pur innalzandosi in numeri, non muta. Se è vero che l’estensione procede a ritmo sostenuto, e che ha superato le 400 unità tra i detenuti e un valore più alto tra il personale."

Le positività riguardano un numero ridotto dei penitenziari italiani e nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di strutture con una sola positività:

I casi di positività continuano a concentrarsi prevalentemente in sei Istituti, oltre due hub lombardi che funzionano da strutture ricettivo-sanitarie per le zone limitrofe, distribuendosi in numeri piccoli in altri 49 Istituti (molti con un singolo caso). Nessun caso nei rimanenti 135 Istituti. Una, quindi, situazione importante, ma che è tuttora sotto controllo" si legge nella nota del Garante.

 

A fine ottobre, con l'aumento dei contagi da Covid nelle carceri, il Consiglio dei Ministri ha disposto alcuni provvedimenti per limitare il contagio nei penitenziari, tra cui la riduzione della popolazione carceraria con il trasferimento ai domiciliari di alcune categorie di detenuti, circa 5mila.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook