22:09 03 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
0 13
Seguici su

Il Veneto è preparato ad un aumento dei casi di contagio da coronavirus, ha affermato il governatore della regione Luca Zaia.

Nel corso del suo briefing quotidiano il governatore del Veneto Luca Zaia ha fatto il punto sull'andamento della pandemia di Covid-19 in Veneto, affermando che i casi di infezione in Veneto sono in aumento, ma i dati relativi alle terapie intensive e al periodo di ospedalizzazione media e anche l'età media dei contagiati, più giovani e meno inclini a riportare una forma grave della patologia legata al Sars-CoV-2, sono più confortanti rispetto al mese di marzo:

"Oggi ci sono tanti positivi ma considerando il numero dei tamponi sono metà di marzo. Oggi ci sono poi metà delle terapie intensive e quasi la metà dei ricoverati e mediamente l'ospedalizzazione è più breve, in più ci sono molti più accessi al pronto soccorso ma il 70% va a casa. Inoltre, si è abbassata l'età del contagio tra i giovani: la stragrande maggioranza dei positivi sono sotto i 55 anni, mentre in terapie intensiva sono over 70", ha dichiarato Zaia.

Per far far fronte alla pandemia conterà l'atteggiamento e la responsabilità di tutti, ha spiegato quindi il governatore del Veneto, che ha poi invitato tutta la popolazione a seguire le regole anti-contagio:

"I numeri cresceranno sempre di più nei prossimi giorni, ma noi siamo preparati. Però ora la partita ce l'abbiamo in mano noi cittadini. Dunque, portate bene la mascherina e lavatevi le mani", ha affermato Zaia.

Per quanto concerne il possibile lockdown della regione, l'esponente della Lega ha confermato che al momento "non è previsto", sottolineando che nei rpossimi giorni "apriranno tutti i Covid Hospital" e negli altri "saranno sospese le attività ordinarie".

"Bisogna stringere i denti, la curva è in salita e i ricoveri aumenteranno", ha concluso quindi Zaia.

Il Covid-19 in Veneto

Stando agli ultimi dati diffusi dal governatore Zaia, sono 3815 i nuovi positivi al Covid-19 in regione, a fronte di un numero di 47657 attualmente positivi e 17940 persone in isolamento domiciliare. 

Nelle strutture ospedaliere sono 1410 i ricoverati, con 186 terapie intensive, in aumento di 12 unità rispetto alle 24 ore precedenti, e 25 nuovi decessi confermati.

 

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook