04:00 28 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
425
Seguici su

I tradizionali mercatini di Natale sono stati assimilati alle manifestazioni di natura fieristica e pertanto sono state vietate su tutto il territorio nazionale italiano.

Nel corso del Natale 2020 non saranno organizzati i tradizionali mercatini che, con la loro attività in migliaia di piazze rappresentano un giro d'affari considerevole per l'economia italiana nel periodo delle feste.

A prevederlo è l'ultimo Dpcm, come ha ribadito lo stesso governo rispondendo alle domande più frequenti sulle misure adottate con il documento approvato il 3 novembre. 

Il testo legislativo prevede difatti il divieto per le manifestazioni locali con prevalente carattere commerciale e anche quelle di natura fieristica ma realizzate fuori dell'ordinaria attività commerciale in spazi dedicati ad attività stabile o periodica di mercato sono da assimilare alle fiere e sono quindi vietate.

Cosa prevede il Dpcm

Il nuovo Dpcm è entrato in vigore ieri e  di fatto divide l'Italia in tre zone di rischio. Le regole prevedono difatti la suddivisione del territorio nazionale in tre fasce di rischio epidemiologico: rossa, arancione e gialla, con provvedimenti specifici in base alle criticità territoriali.

Mentre la zona rossa torna in lockdown e sulla zona arancione vengono imposte restrizioni severe agli spostamenti, anche interregionali, la zona gialla, quella con il rischio epidemiologico meno elevato, di fatto vedono degli irrigidimenti alle normative anti-contagio.

Il provvedimento impone il coprifuoco notturno su gran parte del territorio nazionale dalle 22 alle 5 del mattino, la chiusura dei centri commerciali la domenica e i festivi, la riduzione al 50% della capienza dei mezzi pubblici, il ritorno alla didattica a distanza per le classi degli istituti superiori e all'università e la chiusura di mostre e musei.

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook