22:16 03 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
4161
Seguici su

Tempi duri per chi ha i congiunti fuori comune, e così i social si scatenano tra ironia, rabbia, protesta e speranza che qualcuno ripensi le norme appena approvate.

Fatta la legge saltano fuori i problemi. Il detto originale non è esattamente questo, ma i dpcm ci stanno abituando a una nuova interpretazione e così dopo i fidanzati abitanti in regioni limitrofe costretti a mandarsi baci a distanza sul confine regionale della prima fase, ecco spuntare i #congiuntifuoricomune per le regioni dove si applica la zona arancione e la zona rossa.

I social network si sono presto sbizzarriti presentando le proprie situazioni ai limiti dell’ironia, ma anche della drammaticità degli eventi.

Così si scopre che c’è chi può andare a lavorare in un comune diverso da quello di residenza prendendo l’autobus con capienza al 50%, ma non può fare visita ai genitori, o al compagno/a che abita nel comune accanto.

​C’è anche chi si domanda che differenza c’è tra una coppia di fidanzati che si vedono perché abitano nello stesso comune e una coppia che non si può vedere perché abitano in due comuni limitrofi.

“Io e il mio ragazzo abitiamo a 10 minuti di distanza. La mia amica e il suo abitano nello stesso paesino. Se lei e lui si vedono, non contagiano nessuno. Se io faccio 10 minuti in bici e lo vedo, contagio tutta l'Italia. Ma fate meno i cafoni”.

E poi c’è anche chi ne fa una questione di salute mentale:

​E poi c’è chi invece propone l’autocertificazione per consentire alle persone delle zone arancioni e rosse di vedere i congiunti fuori comune per ragioni di salute mentale.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook