04:17 29 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
126
Seguici su

Dall'1 dicembre 2020 l'Italia avvierà la sperimentazione sull'uomo di fase 3 del candidato vaccino di Oxford/AstraZeneca, allo scopo di certificare la sua valenza sulla popolazione italiana.

Dall’1 dicembre 2020 il candidato vaccino sviluppato dall’Università di Oxford in collaborazione con la società farmaceutica AstraZeneca, sarà disponibile in Italia per i test di fase 3 sull’uomo.

In Italia sono state selezionate sette strutture ospedaliere che dovranno occuparsi di gestire la somministrazione del candidato vaccino in via sperimentale a vari gruppi di volontari.

Tra queste strutture ospedaliere è stata selezionata anche l'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, che selezionerà a sua volta (prossimamente) 300 volontari e volontarie provenienti da tutto il territorio regionale.

Ad occuparsi delle procedure ci penserà la Struttura complessa di Malattie Infettive del polo universitario.

“L'Emilia-Romagna, attraverso una delle nostre eccellenze, che è l'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, fa la sua parte in una sperimentazione che tutti noi attendevamo con grande trepidazione: non possiamo che essere orgogliosi”, sottolinea Raffaele Donini, assessore regionale alle Politiche per la salute della Regione Emilia-Romagna.

“La nostra struttura complessa di Infettivologia è stata selezionata non a caso, ma in seguito a una serie di pubblicazioni fatte nei mesi precedenti da cui è emerso il livello elevatissimo di qualità scientifica. L'agenzia che si occupa degli arruolamenti (Contract Research Organization, Cro) ha svolto diverse visite nei mesi scorsi, rilevando come qui sussistano tutte le condizioni per poter condurre uno studio così importante", ha detto invece Claudio Vagnini, direttore generale dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena.

La scelta dei volontari

I volontari potranno candidarsi contattando un apposito numero verde che al momento non è stato ancora costituito, ma che verrà comunicato appena sarà disponibile.

I volontari si sottoporranno volontariamente al trial che prevede la somministrazione randomica del vaccino. Significa che ogni 3 volontari due riceveranno il vaccino e uno il placebo.

I candidati devono avere più di 18 anni e non devono presentare patologie scompensate, inoltre non devono avere contratto il Sars-CoV-2.

I volontari saranno sottoposti a doppia somministrazione e saranno seguiti per due anni.

“A coloro che non avranno ricevuto il vaccino, sarà offerto gratuitamente una volta concluso lo studio".

Quando sarà disponibile per tutti?

La struttura ospedaliera spera che il vaccino possa essere disponibile alla popolazione “a partire da aprile 2021”.

Correlati:

USA firmano accordo da $ 486 milioni con AstraZeneca per 100.000 dosi di cure di anticorpi
Vaccino Covid Astrazeneca, morto in Brasile un volontario ai test
L'Argentina acquisirà 25 milioni di dosi di vaccino "Sputnik V" russo
Vaccino anticovid russo Sputnik V per l'Argentina verrà prodotto in India, Corea e Cina - RDIF
Tags:
vaccino, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook