03:57 28 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
203
Seguici su

Pierpaolo Sileri, viceministro alla Salute, spiega il nuovo meccanismo nazionale che divide le regioni in base a tre colori indicatori della diffusione del contagio in Italia.

Il vice ministro alla Salute Pierpaolo Sileri commenta le nuove misure del dpcm che questa volta prevedono una gradualità in base alla diffusione del contagio.

Le regioni italiane sono così suddivise in verdi, arancioni e rosse in base alla gravità del contagio.

Sileri, intervenendo a Radio Capital, afferma che sono 21 i parametri di cui si terrà conto per stabilire il passaggio di una regione da un colore all’altro, non basterà quindi il solo “Rt”.

Per Sileri questa “è una soluzione sartoriale che tiene in considerazione tutti i singoli dati locali”, tuttavia i sindaci della Lombardia sono sul piede di guerra e pronti a impugnare il dpcm. Questi ultimi avrebbero preferito una ulteriore divisione del territorio regionale in base alla diffusione del contagio a livello provinciale.

Cittadini sempre più disorientati?

Secondo Sileri questo nuovo schema non avrà come effetto un totale disorientamento dei cittadini, perché “lascia maggiori libertà ai cittadini di un’area considerata non ad alto rischio”.

Tuttavia le regioni possono passare da una fascia all’altra e subire maggiori o minori restrizioni in base alla gravità del contagio. Su questo punto i presidenti di regione si sono impuntati e hanno praticamente obbligato il governo a stabilire che il passaggio da una fascia all’altra deve prevedere una fase di dialogo con il presidente di regione.

Correlati:

Ecco tutte le misure contenute nella bozza del nuovo dpcm
Sileri non del tutto d’accordo con il Dpcm: se protocollo rispettato ristoranti e bar aperti
Lockdown degli anziani in casa, per Sileri un ‘sequestro’ non necessario
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook