08:18 02 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
3227
Seguici su

Il leader della Lega critica in un tweet l'operato del Ministro dell'Interno. Anche nel suo ultimo intervento in Senato aveva criticato il governo per chiudere ristoranti, uffici e negozi ma non i porti.

Matteo Salvini torna a parlare di immigrazione, criticando a riguardo l'operato del Ministro dell'Interno Paola Lamorgese, a cui si deve la modifica dei suoi precedenti decreti sicurezza.

"Gli italiani non vogliono parole ma fatti. Da sabato a oggi, sono sbarcati in Italia più di 1.550 immigrati. Di che controlli parla il Viminale? Scriveremo a 'Chi l’ha Visto?' per avere notizie del ministro Lamorgese", ha twittato.

​Le parole polemiche giungono nonostante l'annuncio della strategia annunciata dal Ministero dell'Interno, che sta lavorando a un piano operativo in cooperazione col governo tunisino per contrastare la tratta di esseri umani e l’immigrazione irregolare.

Il segretario del Carroccio aveva già condannato duramente la ministra Lamorgese dopo l'attentato di Nizza. 

"Dovrebbe dimettersi. Ora vogliamo capire dove sono finiti gli altri 800 immigrati sbarcati insieme al killer di Nizza", ha dichiarato a 'Libero'.

Lamorgese ha comunque respinto ogni accusa in merito alla vicenda.

Infine attacco generale al governo: "Hanno spalancato i porti, invitato le Ong al Viminale, fatto ripartire il business dell'accoglienza. Gli sbarchi nel 2020 sono più di 27mila contro i circa 9mila dello stesso periodo di un anno fa".

Critiche all'esecutivo sull'immigrazione erano giunte da parte di Salvini anche durante il suo ultimo intervento in Senato.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook