18:36 28 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
317
Seguici su

Don Andrea Leonesi, vicario del Vescovo di Macerata, durante la sua omelia del 27 ottobre ha elogiato la nuova legge polacca contro l'aborto, domandando provocatoriamente se non si tratti forse di un crimine più grave della pedofilia. La reazione dei social non si è fatta attendere.

Bufera sul vicario del vescovo di Macerata, don Andrea Leonesi, che durante una funzione religiosa ha messo pretestuosamente a confronto l'aborto e la pedofilia, definendo il primo più grave della seconda.

Durante la sua omelia del 27 ottobre, diventata poi virale grazie alla condivisione del video sul canale YouTube 'Cronache Maceratesi TV', il prelato ha elogiato la nuova legge polacca sull'aborto che tante proteste ha scatenato nel Paese, da parte delle donne definite sdegnosamente come "femministe che si spogliano in chiesa per protestare". 

Don Leonesi ha difeso "una legge per cui anche il feto malformato non si può abortire", aggiungendo provocatoriamente: "Oggi una cosa simile provate a dirla in Italia".

Come se non bastasse, ha poi appunto messo a confronto l'aborto, "il più grave degli scempi", con la pedofilia, riguardo cui tanti casi sono stati registrati in seno al Vaticano. Alcuni proprio in Polonia.

"Guardate, fratelli, possiamo dire tutto ma l'aborto è il più grave degli scempi: mi verrebbe da dire una cosa ma poi scandalizzo mezzo mondo. È più grave un aborto o un atto di pedofilia? Scusate, il problema di fondo è che siamo così impastati in una determinata mentalità... Con questo non voglio dire che l'atto di pedofilia non sia niente, è una cosa gravissima. Ma cosa è più grave?", ha chiesto provocatoriamente.

Le reazioni indignate degli utenti di Twitter non si sono fatte attendere. 

C'è chi sottolinea che il prelato non si è limitato solo a dire che l'aborto è più grave della pedofilia, ma anche ide retrograde in fatto di matrimonio.

​A proposito di arretratezza, altri si chiedono come sia possibile pronunciare simili parole nel 2020 dC.

​Un utente giudica infatti queste parole degne del Medioevo.

​Altri ritirano fuori per l'occasione una celebre battuta di Woody Allen.

Infine, c'è chi ci va giù pesante, concentrandosi proprio sulla pedofilia.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook