08:14 02 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
929
Seguici su

Mentre cresce la preoccupazione per la pandemia di coronavirus, sei italiani su 10 si dicono favorevoli a un lockdown circoscritto agli over 65 e alle persone con gravi patologie, mentre il governo sta definendo le misure del nuovo Dpcm per contenere la diffusione del coronavirus.

Stando a un sondaggio realizzato dall’istituto Ixè, il livello di preoccupazione personale degli italiani per la seconda ondata di Covid-19 ha raggiunto livelli prossimi a quelli della prima ondata, ma con un'intensità ancora leggermente inferiore: se nei mesi di marzo e aprile era circa il 91% degli italiani a dirsi preoccupato, oggi è l’88%, con il 42% che si dice seriamente preoccupato.

Un’apprensione che si accompagna a una prossimità diretta con casi di Covid: quasi tre italiani su 4, infatti, hanno dichiarato di conoscere qualcuno che ha contratto il coronavirus.

E mentre il governo sta definendo le misure del nuovo Dpcm, discutendo con le regioni anche di possibili limitazioni agli spostamenti delle persone più anziane, dal sondaggio emerge che il 61% degli italiani sarebbe favorevole a lockdown circoscritto agli over 65 e alle persone con gravi patologie, mentre solo il 29% si dice contrario.

La maggioranza degli italiani sarebbe favorevole ad u #lockdown riservato agli over65 e alle persone con patologie gravi. Tutti i #dati dell'Osservatorio #CoronaVirusitaly dell'#istitutoixè su: https://t.co/HL0DqJyZDa pic.twitter.com/OkBa1YITIX

Nei giorni scorsi, l’istituto Ispi ha diffuso uno studio da cui è emerso che l’isolamento degli over 80 dimezzerebbe la mortalità, alleviando al contempo la pressione sul sistema sanitario ed evitando chiusure locali.

Interpellati sui luoghi considerati a maggior rischio contagio:

  • il 73,8% degli italiani ha risposto i trasporti pubblici
  • seguiti da bar (28,4%),
  • case di riposo (27%)
  • ospedali (26,7%)
  • scuole e università (23,3%)
  • negozi e centri commerciali (22,2%).

Cinema e teatri, ristoranti, piscine e palestre, colpiti dall'ultimo Dpcm del governo, sono considerati invece i luoghi a minor rischio.

Positivo infine il giudizio espresso sulle misure prese con gli ultimi Dpcm di ottobre: per il 51% sono adeguate, ma un italiano su cinque avrebbe voluto maggiore rigore. 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook