03:46 04 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
1252
Seguici su

Il magnate russo Alisher Usmanov ha effettuato una donazione di 500mila euro alla Regione Sardegna per contrastare l'emergenza Covid. Il bonifico ha già raggiunto le casse della Regione.

Il più grande azionista di USM Holdings Alisher Usmanov, la cui fortuna è stimata in 15,7 miliardi di dollari, ha trasferito alle autorità dell'isola italiana della Sardegna 500mila euro, che dovrebbero essere utilizzati per combattere l'infezione da coronavirus COVID-19. Lo riferiscono i media locali.

"Sono grato a te e a tutti i residenti in Sardegna per la calorosa accoglienza che da circa 30 anni ricevo in questa bellissima isola, compreso il momento presente. Il mio umile contributo è il minimo che posso fare per chi è colpito dalla pandemia e per chi la combatte altruisticamente in Sardegna" ha scritto il magnate in una lettera al governatore sardo Christian Solinas.

"Con tutto il cuore dono altri 500mila euro per aiutare il governo della Sardegna in questa nobile causa. Vi chiedo di utilizzare questi soldi per un programma per sviluppare e attuare misure volte a proteggere la salute e la vita dei vostri compatrioti" ha affermato Usmanov, in riferimento ai primi 500mila euro inviati alla regione nella prima fase di lotta al coronavirus.

Usmanov, secondo la classifica della rivista Forbes, è il 67esimo uomo più ricco al mondo e ha un patrimonio personale stimato in 14 miliardi di dollari. Nel 2018, Usmanov è diventato cittadino onorario del comune sardo di Arzachena.

In un'intervista con Forbes nello stesso anno, ha detto che ha vissuto sull'isola per molto tempo. "Ho ancora un rapporto speciale con l'Italia: vivo quasi tutta l'estate in Sardegna", disse Usmanov all'epoca.

Secondo gli ultimi dati del Ministero della Salute, ieri in Italia sono stati registrati 26.831 nuovi casi che hanno portato il totale dei contagi a 616.595. Nelle ultime 24 ore sono state inoltre conclamate 217 vittime e 3.878 guarigioni. La Sardegna dall'inizio della pandemia ha registrato un totale di 8.808 casi, con 3.035 guariti e 207 morti.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook