21:13 03 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
241
Seguici su

I medici della Società Italiana di Medicina Interna (SIMI) hanno inviato una lettera al ministro Speranza, al presidente e al direttore dell'ISS, Silvio Brusaferro e Claudio Locatelli, al Cts e alle autorità sanitarie per chiedere un intervento urgente per evitare il collasso.

Le strutture sanitarie hanno risposto all'emergenza contagi riconvertendo rapidamente i posti letto dei reparti di Medicina Interna in reparti Covid e adesso, all'affacciarsi della stagione invernale e delle patologie respiratorie legate al clima, riguardanti pazienti fragili e anziani non-covid, il rischio è quello che manchino i posti per i malati ordinari. A dare l'allarme sono i medici internisti, in una lettera a firma del presidente Antonello Pietrangelo, con la quale si richiede l'intervento immediato per evitare il collasso di reparti già allo stremo. 

Il numero crescente di ricoveri in terapia intensiva è solo la "punta dell'iceberg" di quello che sta realmente accadendo negli ospedali, si legge nella missiva. 

"La stagione invernale sta totalmente trasformando il quadro che si era delineato nel corso della prima ondata", aggravandolo.

Nei reparti di Medicina Intera vengono ricoverati per lo più con pazienti over '70, pluripatologici e per questo maggiormente esposti sia alle patologie respiratorie invernali che al COVID-19.

Questi reparti stanno subendo un'"enorme pressione" perché "debbono far fronte, contemporaneamente, a due curve epidemiologiche in rapida crescita: da un lato il fisiologico accesso di pazienti che si osserva nella stagione invernale, assenti nella prima ondata pandemica di marzo-aprile, dall’altro la crescita esponenziale dei pazienti Covid", prosegue il documento.  

E' prevedibile che con il passare delle settimane ci sarà una crescita di accessi ai Pronto Soccorso di pazienti cronici, over 70 pluripatologici, fragili, molto spesso con polmonite da accertare o non-Covid, che in epoca pre-pandemica, occupavano fino al 70-80% dei posti letto negli ospedali e nei reparti di Medicina Interna. 

Nella nuova situazione, questi pazienti rischiano di rimanere senza cure a causa della conversione in reparti Covid e della conseguente mancanza di posti letto per i pazienti sofferenti patologie ordinarie. 

"Il focus degli interventi non dovrà essere il virus, né la patologia, ma ancora una volta il paziente che contrae quella patologia, che sia Covid o non Covid, la persona nella sua complessità e fragilità", chiede il presidente del Simi nella lettera. 

"Servono letti e personale medico ed infermieristico con competenza multispecialistica", prosegue Pietrangelo, inoltrando una richiesta: 

"Oggi chiediamo a gran voce alle istituzioni di implementare percorsi virtuosi finalizzati ad adeguare l’organico di medici ed infermieri dei reparti di Medicina Interna al crescente numero di posti letto effettivamente gestiti, professionisti - conclude -che  quotidianamente, sul campo, hanno dimostrato spirito di sacrificio, professionalità e competenze per garantire a tutti i cittadini il diritto alla salute e alla sicurezza all’interno degli ospedali".
Tags:
Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook