21:30 03 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
345
Seguici su

L'inchiesta sulla morte di Giulio Regeni si avvia a chiusura. Sono trascorsi i due anni dall'inscrizione nel registro degli indagati di quattro agenti della National security egiziana.

In merito alle indagini sulla morte in Egitto del ricercatore italiano Giulio Regeni, la Procura di Roma si avvia verso la chiusura delle indagini per rapimento, tortura e omicidio.

Il ricercatore è stato ucciso nel mese di febbraio 2016 a Il Cairo.

La procura deve chiudere le indagini perché si avvicinano i due anni dall’iscrizione nel registro degli indagati dei cinque agenti della National security egiziana. Iscrizione avvenuta il 4 dicembre 2018.

In tanto nella capitale egiziana è in corso un incontro tra i membri del Ros e dello Sco con gli omologhi egiziani. La parte italiana farà presente agli investigatori egiziani l’approssimarsi della scadenza.

L’Egitto non invia riscontri

La Procura della Repubblica di Roma dall’Egitto non ha ricevuto ancora alcun riscontro concreto in merito alla rogatoria internazionale inviata alle autorità egiziane nell’aprile del 2019.

Nulla di rilevante è stato comunicato al procuratore capo Michele Prestipino questa estate durante la videoconferenza con i magistrati egiziani, a cui ha partecipato anche il magistrato Sergio Colaiocco.

Altro vertice a Roma

Secondo quanto riportato dall’Ansa, i team investigativi impegnati nel caso Regeni potrebbero incontrarsi ancora una volta a Roma, entro le prossime settimane e prima del 4 dicembre.

Correlati:

Dall'Egitto portati in Italia documenti e oggetti personali di Giulio Regeni
Incontro Pm Italia e Egitto su Caso Regeni
Caso Regeni, Di Stefano: No al ritiro dell'ambasciatore dall'Egitto
Tags:
Omicidio di Giulio Regeni, Giulio Regeni
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook