03:35 04 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
610
Seguici su

Il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri non del tutto d'accordo con la scelta del governo di chiudere bar e ristoranti alle 18. In linea di principio crede che chi rispetta le linee guida debba poter lavorare.

La posizione del viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri questa volta si discosta, seppur leggermente, dalle scelte operate dal suo governo e afferma che per lui la chiusura di bar e ristoranti poteva essere evitata.

“Ho sempre pensato che, laddove c’è un protocollo e laddove il protocollo viene rispettato con rigore e severità, il rischio di contagio è estremamente basso. Quindi su questa misura non sono pienamente d’accordo”, afferma Sileri riferendosi alla chiusura alle ore 18.00 di bar, ristoranti, pasticcerie e gelaterie.

Anche se aggiunge che la scelta del governo si è basata “sui dati” ed è stata “guidata da un Comitato tecnico scientifico”. Così il viceministro intervenendo ad ‘Agorà’, il programma di Rai 3.

Chiudere a caso non serve

Sileri si è detto concorde con il pensiero della professoressa Viola, immunologa dell’Università di Padova, secondo la quale non ha senso chiudere a caso.

Il viceministro della salute è invece convinto “che le chiusure andrebbero definite in base ai dati relativi all’andamento dei contagi nei vari luoghi di aggregazione”.

Dati ovviamente da fornire al Comitato tecnico scientifico afferma Sileri, così che possano analizzare categoria per categoria – trasporto, palestre, ristoranti, cinema, bar – dove si verificano criticità e “in base ai dati, laddove vi è un rischio di contagio documentato, lì è chiaro che serve una chiusura”, ha affermato il viceministro Sileri.

La protesta degli chef stellati

Nei giorni scorsi si è fatta sentire a livello nazionale la protesta degli chef stellati italiani, che hanno chiesto di evitare chiusure generalizzate e di colpire invece solo quei ristoratori che non si adeguano alle regole. La richiesta è quindi quella di non colpire in modo generalizzato l’intera categoria.

Correlati:

Gallera su chiusura palestre e piscine: potevano restare aperte
Chef stellati italiani concordi: contestano mancata previsione seconda ondata
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook