08:30 02 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
305
Seguici su

L'esperto dell'OMS si è detto convinto del fatto che la crisi pandemica verrà superata, ma ciò richiederà l'impegno e il contributo da parte di tutta la società.

Secondo il direttore vicario dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms), intervenuto ad una una lectio magistralis in occasione della Giornata internazionale Rotary contro la polio, in diretta web dal palazzo dell’informazione dell’Adnkronos, il coronavirus sta costringendo il mondo ad osservare nuovamente scene già viste in passato ai tempi della diffusione della poliomelite.

"C'erano in passato respiratori automatici per i bambini colpiti dalla poliomielite che andavano incontro a paralisi devastanti della muscolatura respiratoria, i famosi 'polmoni d'acciaio' ce li ricordiamo e ci sono fotografie che rappresentano parte della storia della polio. Sono cose che non vogliamo rivedere ma purtroppo invece abbiamo rivisto con gli intubati in terapia intensiva per Sars-Cov-2", ha spiegato Guerra.

Secondo l'esperto, la crisi sanitaria globale sarà superata in quanto "la dimensione è più gestibile e meno definitiva di quanto sia stata la polio", tuttavia, ha ribadito, "l'approccio però deve essere lo stesso" e "la società deve mobilitarsi".

Guerra ha ricordato quindi come per eradicare la polio sia stata fondamentale la somministrazione di "una serie di vaccini". In questo senso, anche per la debellazione del Sars-CoV-2 sarà importante che il vaccino o i vaccini corrispondenti siano supportati da una efficace base produttiva e che la distribuzione sia capillare così da permettere di renderli accessibili a tutta la popolazione 

Il prezzo della mancata preparazione

Il direttore vicario dell'OMS ha quindi lamentato il mancato lavoro d'anticipo dei Paesi sulla preparazione ad una possibile pandemia:

La stima che avevamo fatto qualche anno fa per la preparazione globale a questo tipo di epidemia era di circa 4 miliardi di dollari l'anno. Ora il costo per la ricerca e la sintesi dei vaccini e dei farmaci anti-Covid è stimata in 31 miliardi di dollari, 7 volte e mezzo quello che sarebbe stata la spesa se ci fossimo preparati prima", ha sottolineato.

Guerra ha infine offerto un dato relativo al livello di preparazione dei singoli Paesi, rivelando che, su ben 40 nazioni campionate dall'OMS, nessuna aveva raggiunto il risultato minimo per potersi considerare pronta ad un'eventuale ondata pandemica:

"Avevamo fatto anche una valutazione dei vari livelli di preparazione dei singoli paesi, circa 40 che si erano offerti per autovalutarsi: su uno score massimo di 100, nessuna di queste nazioni aveva superato lo score di 40. Quindi si può immaginare quanto fosse presente il senso del pericolo rispetto alla possibilità di essere scoperti di fronte ad una epidemia che poi si è verificata".

Il Covid-19 nel mondo

Ad oggi sono 42.2 milioni i casi di Covid-19 conclamati in tutto il mondo, a fronte di un totale di oltre 28 milioni di guarigioni e 1,1 milioni di decessi accertati per causa o concausa del nuovo agente patogeno.

 

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook