04:27 29 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
102
Seguici su

Secondo il governatore della Lombardia una nuova quarantena generalizzata potrebbe diventare realtà in futuro, qualora non si riuscisse ad arrestare l'aumento dei casi di infezione da Covid-19.

Il coprifuoco serale e notturno potrebbe non bastare per Regione Lombardia e in caso la curva dei contagi da coronavirus non dovesse quantomeno ammorbidirsi, potrebbe essere valutato un nuovo lockdown generalizzato.

Ad affermarlo quest'oggi ai microfoni di Sky Tg24 è il governatore Attilio Fontana, rispondendo ad una domanda di un giornalista che gli chiedeva delucidazioni in merito all'evitabilità della quarantena:

''Se con i provvedimenti che stiamo assumendo e che abbiamo assunto in questi giorni il contagio dovesse rallentare, non necessariamente fermarsi, ma rallentare, si potrebbe probabilmente evitare. Se l'impennata dovesse continuare può darsi che si preda un provvedimento diverso'', sono state le sue parole.

Fontana ha quindi ribadito che le decisioni prese vanno "nella direzione di evitare i contagi", e ha sottolineato la necessità di "controllare, monitorare giorno dopo giorno e decidere se sia il caso di andare avanti con questi provvedimenti o se debbano essere assunti provvedimenti più gravi''.

"Per il momento l'impegno della Regione è quello di cercare di fare in modo che si arrivi gradualmente, ma soprattutto che si evitino quei provvedimenti che rischiano di essere troppo gravi per i nostri cittadini. Gravi per l'economia ma anche gravi per la vita ordinaria'', ha proseguito.

Il governatore ha quindi invitato tutti a non "ipotecare il futuro" e a seguire la situazione nel corso della sua evoluzione, prendendo delle misure tenendo conto dell'andamento della pandemia e, soprattutto, del possibile sovraccarico sulle strutture sanitarie:

"Più che numeri è la situazione delle occupazioni delle terapie intensive, la situazione delle occupazioni degli ospedali. Dobbiamo evitare che la nostra sanità sia ingolfata in una maniera tale da non poter essere efficiente. Noi abbiamo una serie di scenari. Adesso siamo entrati nel terzo scenario dove sono scattati alcuni provvedimenti. Se le cose dovessero continuare a peggiorare ci saranno altri scenari. vediamo cosa succede nelle prossime ore", è stato il monito di Fontana.

Il governatore della Lega ha chiesto un ulteriore sforzo ai cittadini lombardi, affinché il periodo di grande difficoltà possa essere superato quanto più in fretta possibile:

"Chiedo ancora la disponibilità a rispettare certe regole, a rispettare certe limitazioni della propria libertà e della propria vita e che non fanno piacere a nessuno e che non è giusto che vengono applicate. Ma in una situazione drammatica dobbiamo purtroppo accettare anche delle regole che non sono giuste. Lo chiedo con il cuore in mano e la coscienza che i nostri cittadini hanno dato una risposta eccellente nella prima ondata. Chiedo loro questo sacrificio''.

La nuova ordinanza in Lombardia 

In Lombardia da giovedì 22 ottobre fino al 13 novembre ci sarà il coprifuoco dalle 23 alle 5 di mattina. In questa fascia oraria sarà possibile spostarsi solo per comprovate esigenze lavorative, munendosi di autocertificazione, in situazioni di necessità o di urgenza e per motivi di salute. 

Il Covid-19 in Italia

Stando all'ultimo bollettino, diffuso nella giornata di ieri, il numero complessivo dei casi di Covid-19 in Italia dall'inizio dell'epidemia ha raggiunto i 465.726, dato comprensivo di contagiati, guariti e vittime, con un'aumento di 16.079 unità rispetto alle 24 ore precedenti.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook