03:07 04 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
663
Seguici su

Nel corso dell'incontro “Italia 2021: competenze per riavviare il futuro” la titolare del MIT, Paola De Micheli, ha bocciato il Ponte di Messina e ha annunciato una proposta di Saipem pe un collegamento sottomarino.

Sempre più lontano il progetto del Ponte sullo Stretto, mentre l'ipotesi di un tunnel per garantire la continuità territoriale della Sicilia prende piede all'interno del governo. Il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Paola De Micheli, ha fatto sapere di una proposta di Saipem e che entro la fine del mese si concluderanno i lavori della commissione per il collegamento stabile tra le due coste.

"Ci sono più progetti, oltre a quello del Ponte, peraltro il progetto precedente del Ponte non ha i requisiti che le leggi attuali prevedono", ha detto il ministro del Partito Democratico durante l'incontro “Italia 2021: competenze per riavviare il futuro”.

"Abbiamo avuto da Saipem una proposta di un collegamento sottomarino molto interessante - ha annunciato - quindi stiamo facendo tutte le valutazioni in termini trasportistici, economici, ambientali, di sostenibilità sociale, perché ovviamente l'eventuale progetto che dovrà essere sottoposto alla valutazione del Consiglio dei ministri deve avere tutta una serie di requisiti coerenti con le scelte che noi stiamo facendo in questi mesi". 

Le prime indicazioni dovrebbero arrivare a breve, quando la Commissione concluderà le sue valutazioni per la possibilità di un collegamento rapido. Commissione che ha già sentito Stefano Cao, Ad della società petrolifera partecipata dall'Eni e che si è specializzata anche nella progettazione di opere a mare e a terra. 

"Siamo stati invitati dalla Commissione di esperti appositamente costituita a illustrare il nostro progetto di attraversamento dello Stretto di Messina mediante un “tunnel galleggiante sommerso", ha dichiarato Cao in un'intervista pubblicata dall'inserto economico di Repubblica. 

"Il 95% del nostro fatturato - ha aggiunto - è all'estero, ci piacerebbe lavorare di più anche per il nostro Paese. 

Il progetto di un collegamento stabile è inserito all'interno di un grande cantiere di infrastrutture per il Sud, che si aprirà a partire dalla prossima primavera. Tra le opere inserite nel piano, in Calabria il cantiere della 106 Jonica e lo studio di fattibilità per l'Alta Velocità Reggio Calabria-Salerno già in corso; in Sicilia abbiamo è in cantiere lo sblocco della Ragusana, le gare in corso pubblicate quindici giorni fa per 1,6 miliardi per l'Alta Velocità Messina-Catania-Palermo.

L'obiettivo sarà quello di vincere la sfida della lotta alla "disuguaglianza infrastrutturale che si è determinata in questi anni", evidenzia De Micheli.

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook