23:35 29 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
Di
386
Seguici su

Il governatore dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, ha firmato l'ordinanza che precisa che bar, ristoranti e pub obbligati a chiudere a mezzanotte non potranno rialzare la serranda prima delle sei del mattino. Nel Dpcm non viene precisato l'orario di riapertura e nei giorni scorsi c'è chi è riuscito ad aggirare le nuove disposizioni.

L’ultimo Dpcm impone l’obbligo di chiusura a mezzanotte per i locali che fanno servizio al tavolo e alle 21 per chi non ha i tavolini. È una delle misure pensate per limitare gli assembramenti davanti a bar e ristoranti e cercare di fermare la diffusione del virus.

Ma il governo non specifica per quanto tempo bisogna restare chiusi o a che ora si possono rialzare le serrande. E allora ecco che più di un esercente della Penisola ha trovato il modo di restare comunque aperto.

È successo a Catanzaro Lido, dove Aldo Manoieri, titolare del bar Paza Cafè, aperto 24 ore su 24, che, come riferisce TgCom24, si è giustificato proprio così davanti agli agenti dopo aver riaperto i battenti alle 12.15.

“Nel dpcm – ha fatto notare - non è stata inserita l'informazione di quando una attività può riaprire". I vigili non hanno potuto sanzionarlo.

Stesse scene anche a Bologna, dove i titolari del bar Mavit, di fronte alla stazione centrale del capoluogo emiliano, come riporta l’edizione bolognese di Repubblica, hanno affisso un cartello all’ingresso: "Causa Dpcm del 13-10-2020 chiuderemo alle 24 e riapriremo all’una". Anche quest’attività, ha spiegato la proprietaria al Corriere, ha l’autorizzazione per restare aperta h24 e quindi può ignorare di fatto le misure imposte nel nuovo Dpcm senza incorrere in sanzioni.

A metterci una pezza, in serata, è arrivato il governatore Stefano Bonaccini che, con un’ordinanza ad hoc emessa dalla regione Emilia Romagna, ha apportato un correttivo al più vago Dpcm, fissando alle sei l’orario di riapertura.

Alzare la serranda prima di quell’ora sarà vietato fino al prossimo 13 novembre. Restano esclusi soltanto i punti di ristoro che si trovano all’interno di aeroporti e stazioni o lungo le autostrade.

Ad adottare provvedimenti più restrittivi rispetto al testo del Dpcm era già stata la Campania, governata da Vincenzo De Luca. La regione aveva, infatti, specificato che non sarebbe stato possibile riaprire prima delle 5 del mattino.

Correlati:

Covid, il governo prepara la nuova stretta: ipotesi di chiusura alle 24 per bar e ristoranti
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook